Angelo Peruzzi
Angelo Peruzzi
ROMA, 31 agosto 2018 – Olympique Marsiglia, Eintracht Francoforte e Apollon Limassol. La Lazio, inserita nel girone H, ha conosciuto quest'oggi le sue avversarie di Europa League. Un girone di ferro, difficile da affrontare ma sicuramente alla portata dei biancocelesti. Dello stesso avviso anche club manager Angelo Peruzzi, che a caldo ha commentato così il sorteggio: “Guardando gli altri ci è toccato il peggior girone possibile. Il Marsiglia di Garcia e Strootman? Non sentiamo aria di derby, è una buona formazione con ottimi elementi, anche l’Eintracht è forte. I francesi hanno una giornata di squalifica del campo, vediamo quando ci toccherà giocare sul loro campo”, ha dichiarato ai microfoni di Sky. Peruzzi ha poi avuto modo di parlare anche dell'avvio di campionato della Lazio, iniziato in salita con le sconfitte contro Napoli e Juventus: “Avendo avuto due sconfitte in campionato la squadra non può che essere cupa. Noi dobbiamo cercare di ritrovare l’entusiasmo e il passo dello scorso anno. Nelle prime due di campionato abbiamo incontrato le due più forti, la nostra stagione inizierà domenica”. Chiosa finale sul mercato: “La squadra è costruita bene. Il primo anno con Keita e Anderson giocavamo diversamente, adesso abbiamo cambiato il modulo acquistando giocatori diversi.Per me faremo molto bene”.

PROVE TATTICHE – Intanto nella mattinata la squadra è scesa in campo a Formello per continuare la preparazione in vista della sfida all'Olimpico contro il Frosinone. Proseguono le prove tattiche, con Inzaghi che sembra intenzionato a confermare lo stesso undici visto all'Allianz Stadium contro la Juventus. Si andrà avanti col 3-5-1-1, con Wallace ad affiancare ancora Acerbi e Radu. Panchina per i nuovi acquisti Badelj e Correa. Inzaghi aspetta segnali importanti da Milinkovic-Savic e Luis Alberto, che dovranno supportare Immobile, unico riferimento offensivo. Ancora out Berisha e Luiz Felipe, il primo tornerà dopo la sosta, mentre il secondo spera di essere in campo per il derby del 29 settembre contro la Roma.

VALERIO DE BENEDETTI