Splendido gol di Dybala al Frosinone (Lapresse)
Splendido gol di Dybala al Frosinone (Lapresse)

Torino, 15 febbraio 2019 - La Juventus non tradisce Allegri e nel Friday Night non dà scampo al Frosinone, che nel settembre 2015 aveva giocato un brutto scherzo ai bianconeri. Questa volta Madama non lascia nulla di intentato: secco 3-0 e vittoria numero 21 in campionato. Un successo nel segno di Paulo Dybala, che ritrova maglia da titolare e gol, che nei confini italici mancava dallo scorso 3 novembre. Un piacevolissimo ritorno per la capolista, così come quelli di Bonucci e Chiellini, con il numero 19 a siglare il doppio vantaggio dopo appena 17 minuti. A completare la festa ci pensa poi nella ripresa il solito Cristiano Ronaldo, al 19esimo sigillo in Serie A.

Juventus-Frosinone 3-0, rivivi la diretta

Serie A, dirette, risultati e classifiche

Champions, mercoledì Atletico Madrid- Juventus

UNO DUE BIANCONERO - L'Allianz Stadium riabbraccia sia Bonucci che Chiellini, entrambi (un po' a sorpresa) nell'undici di partenza. Tanti applausi anche per Dybala, che dopo le due panchine consecutive si rivede dal primo minuto. E alla Joya bastano appena cinque giri di lancette per illuminare la serata torinese. L'argentino dipinge un sinistro che si insacca nell'angolino alto della porta avversaria. Un gioiello che il 10 bianconero festeggia imitando l'esultanza di Ronaldo vista a Sassuolo. La Juve ha fretta di chiudere immediatamente la pratica e al 17' arriva puntualmente il 2-0, firmato da Bonucci, che approfitta della corta respinta di Sportiello sul colpo di testa di Mandzukic.

JUVE IN CONTROLLO - Le conclusioni non mancano in questo inizio di gara: Ciano prima e Ronaldo poi ci provano dalla distanza, ma i rispettivi tiri non hanno la stessa fortuna del missile di Dybala. Forte del 2-0, la squadra di Allegri si limita a gestire ritmo e possesso palla, senza forzare e disperdere inutilmente le energie. Il Frosinone allora può respirare, ma in avanti i ciociari risultano troppo sterili. Proprio allo scadere del primo tempo però Szczesny rischia sulla punizione dal limite ottimamente battuta da Ciano, che sfiora la traversa.

RONALDO LA CHIUDE - Nel secondo tempo la gara potrebbe scivolare via stancamente fino al 90' visto lo strapotere bianconero. Ma la Signora offre comunque spunti di interesse. Dybala si prende la scena con alcune giocate da campionissimo, mentre Ronaldo cerca il gol con la solita fame. Gol che CR7 potrebbe realizzare sull'assist della Joya, ma Goldaniga è provvidenziale nella deviazione in angolo. Nulla può invece il Frosinone sul rasoterra del portoghese, che al 64' timbra il 3-0. Grande azione quella da cui nasce il tris juventino, con Mandzukic a servire il passaggio decisivo al cinque volte Pallone d'Oro, che poi lascia il campo salutato dalla standing ovation dello Stadium.

C'è infatti da pensare all'andata degli ottavi di Champions League in casa dell'Atletico Madrid. Mandzukic e soci allora decidono di abbassare ulteriormente le marce, senza però mai mettere in discussione un risultato che non potrà che soddisfare Allegri, che intanto si può godere il momentaneo +14 sul Napoli.

Tabellino

Juventus: Szczesny; Cancelo, Bonucci, Chiellini (25' st Caceres), De Sciglio; Khedira (36' st Pjanic), Bentancur, Emre Can; Dybala, Mandzukic, Ronaldo (18' st Bernardeschi). A disp. Pinsoglio, Perin, Barzagli, Spinazzola, Matuidi, Kean. All. Allegri.  

Frosinone: Sportiello; Capuano, Salamon, Goldaniga; Zampano (38' st Paganini), Chibsah (33' st Gori), Viviani, Cassata, Molinaro; Ciofani (13' st Pinamonti), Ciano. A disp. Marciano, Iacobucci, Maiello, Valzania, Trotta, Sammarco, Brighenti, Krajnc, Beghetto. All. Baroni.  

Arbitro: Giua di Olbia.  

Reti: 6' Dybala, 17' Bonucci; st 18' Ronaldo. Note: ammoniti Emre Can, Cancelo (J), Molinaro, Salamon, Cassata (F).