Milano, 18 settembre 2018 - Il destino a volte è scritto. Quello di Matias Vecino con l'Inter è chiaro: segnare gol importanti. Dopo la zuccata dell’Olimpico a maggio che ha consegnato la qualificazione in Champions League, è arrivata quella odierna in pieno recupero a battere il Tottenham in rimonta: tripudio assordante a San Siro. 

Inter-Tottenham, rivivi la diretta testuale 

DEBUTTA ICARDI - Spalletti con il 4-2-3-1, Skriniar terzino destro, Perisic-Nainggolan-Politano a sostegno di Icardi. Pochettino risponde con Kane e Son supportati da Lamela. Gli inglesi tengono il possesso, l’Inter ci prova con le ripartenze sfruttando la tecnica e la velocità di Nainggolan e Perisic. I nerazzurri pressano e ci mettono creando difficoltà al Tottenham. Gli ospiti si vedono però con una punizione di Eriksen deviata da Handanovic, i nerazzurri con un cross da sinistra di Perisic che Vorm devia in maniera pericolosa a centro area. Inter sul pezzo, pimpante mentalmente e preparata tatticamente, tutta un’altra cosa rispetto al match col Parma. Occasionissima Tottenham al 36’, Kane si ritrova davanti ad Handanovic cercando il dribbling, ma si incespica sul pallone non trovando la conclusione a rete. Brivido anche al 42’, Aurier scappa a destra e cross, bravo Handanovic a distendersi. Al riposo è zero a zero. 

Stella Rossa-Napoli 0-0, il muro serbo frena i partenopei in Champions

VECINO L’UOMO DELLA STORIA - La ripresa si apre con un bel sinistro a giro di Politano che sibila alla destra di Vorm con deviazione di Sanchez. Ma al 53’, in maniera casuale, gli ospiti passano. Eriksen vince un contrasto in mediana e calcia in porta, Handanovic respinge, ma sulla ribattuta il danese calcia di nuovo trovando il polpaccio di Miranda che disegna una parabola ingannatrice per il portiere: 0-1. Reagisce subito l’Inter con una zuccata di Perisic, para Vorm. I nerazzurri si salvano al 62’ quando Handanovic deve mettere i piedoni su un diagonale mancino di Lamela e poco dopo in una mischia su percussione del neo entrato Moura. Spalletti prova a cambiare le sorti della gara con Candreva al posto di Perisic e Keita al posto di Politano. L’Inter ci crede in tanti modi, anche sbagliando, ma i suoi sforzi vengono premiati. Al minuto 85 Asamoah da sinistra crossa all’indietro per Icardi che spara il siluro al volo dal limite: palla all’angolino. Debutto con gol in Champions per il capitano e tripudio stellare a San Siro. Poi accade l’impensabile. In pieno recupero l’uomo che ha regalato la qualificazione in Champions a maggio regala il successo oggi sul Tottenham: corner da destra, sponda di De Vrji - che all'Olimpico concesse il rigore su Icardi - e zuccata di Vecino per il 2-1 finale. Vince l’Inter in rimonta, da pazza, da amala sempre. Come da copione della campagna abbonamenti, i tifosi rivedono sul serio le stelle. Stavolta sono a San Siro. 

Valencia-Juventus di Champions League, dove vederla in tv

Real Madrid-Roma, dove vedere la Champions League in tv