Arkadiusz Milik
Arkadiusz Milik

Milano, 6 novembre 2020 - Non manca poi tanto al mercato di gennaio e l'Inter sta cominciando a valutare alcuni profili interessanti, soprattutto a parametro zero o attualmente in rotta con i rispettivi club. Si parla di un difensore e un attaccante, il primo in ottica prossima stagione, il secondo per il girone di ritorno. E se arrivasse una cessione ci sarebbe un tesoretto da investire.

Alaba e il Bayern

Il fiuto di Beppe Marotta si è fiondato su Alaba, difensore austriaco che non ha intenzione di rinnovare il contratto con il Bayern. Decisione presa e comunicata, vuole andare via. Lo cercano in tanti, ma in pochi possono soddisfare le sue elevate richieste di ingaggio. C'è stato un sondaggio dell'Inter, ma gli emolumenti dell'austriaco sono attualmente fuori dalla portata dei nerazzurri che per partono in seconda fila rispetto a qualche club inglese e spagnolo. Anche la Juventus ha sondato il terreno, riscontrando lo stesso problema. Per l'Inter appare una missione quasi impossibile, ma se a gennaio arrivasse una cessione, vedi Eriksen, potrebbero esserci maggiori margini di manovra per alzare la posta.

Milik aiuterebbe l'attacco

 

Ma probabilmente il vero rinforzo a gennaio potrebbe arrivare in attacco. Attualmente la squadra è ancorata al rendimento di Romelu Lukaku e, in parte, a quello di Lautaro Martinez. Alle spalle poche cose fino a qui, con Sanchez a mezzo servizio e Perisic adattato, mentre Andrea Pinamonti ancora non convince del tutto. Per questo il nome di Arkadiusz Milik, ai margini al Napoli dopo il mancato passaggio estivo alla Roma, può fare comodo all'Inter. Difficile convincere i partenopei, ma il polacco va in scadenza nel 2021 e ci potrebbero essere condizioni economiche favorevoli per tentare il colpaccio. Marotta e Ausilio ci pensano, anche Conte apprezzerebbe l'aggiunta di una punta di valore nelle rotazioni, soprattutto se l'Inter contiuerà ad avere tre competizioni da portare a termine. Certo, saranno da verificare quelle che potrebbero essere le condizioni di forma del polacco a gennaio, dopo un intero girone di andata passato praticamente ai margini e guardando gli altri giocare. Anche in questo caso, l'uscita di scena di una pedina pesante, leggasi Eriksen, ancora non inserito nel contesto tattico di Conte, potrebbe dare economicamente una grande mano.

Leggi anche - Juve, Dybala bestia nera Lazio, ma partirà in panchina