Antonio Conte
Antonio Conte

Milano, 18 gennaio 2020 – Non sarà una partita facile per l’Inter quella di domani a Lecce. E’ stata una settimana tribolata, soprattutto sul mercato, con lo scambio Politano-Spinazzola saltato dopo le visite mediche. Ma l’Inter non può permettersi passi falsi e le polemiche dovranno essere dimenticate in fretta, con la massima concentrazione da dedicare al campo. Le parole di Conte.

POLITANO-SPINAZZOLA – Inevitabile parlare di questo argomento nella conferenza stampa odierna. Era tutto fatto per lo scambio con obbligo di riscatto tra i due giocatori, poi subito dopo le visite mediche di Spinazzola tutto è saltato. Conte però non entra nei dettagli e delega ad altri questa risposta: “Avevamo fatto una scelta tecnica su questo scambio e io rimango a quello – ha affermato Conte – Per tutte le altre questioni dovete chiedere ad altri. Politano? E’ chiaro che nella sua testa era già a Roma, voleva fare questa esperienza e ora sarà da gestire fino alla fine. Ma c’è in società chi si occupa di mercato”.

LECCE – Ma prima di ogni altra cosa c’è la partita contro una squadra a caccia di punti salvezza. Per Conte è un ritorno a casa emozionante: “Sono nato e cresciuto a Lecce, lì sono diventato uomo e ho esordito in Serie A. C’è emozione ma sappiamo che domani saremo avversari”. E Conte non si fida di un Lecce ora salvo: “Se il campionato finisse ora loro avrebbero raggiunto l’obbiettivo. Sappiamo benissimo che partite abbordabili in Serie A non ce ne sono, loro stanno facendo un bel percorso con ottime gare disputate. Cercheranno di esprimere un buon calcio”.

NO YOUNG – C’è poi il nuovo arrivato Ashley Young, il quale però non sarà portato al Via del Mare. Per lui qualche giorno di apprendistato: “E’ appena arrivato – ha ammesso Conte – Non posso portarlo a Lecce e inserirlo in un gruppo che lavora da mesi su alcuni programmi. Si allenerà oggi e domani e dalla prossima settimana entrerà nella nostra idea di calcio. Direi che sarà disponibile per il Cagliari”.