Il momento dell'espulsione di Antonio Conte
Il momento dell'espulsione di Antonio Conte

Milano, 25 gennaio 2021 – Il pareggio di Udine ha impedito all’Inter di agganciare il Milan, ma porta con sé anche l’espulsione di Antonio Conte che ora deve aspettare le decisione del Giudice Sportivo per capire quante giornate salterà. A partita finita è arrivata anche l’espulsione di Lele Oriali, ma l’aspetto rilevante è il diverbio verbale che sarebbe stato scatenato proprio da Conte nel tunnel che porta agli spogliatoi.

Conte vs Maresca

Insomma, la discussione tra l’arbitro e il tecnico nerazzurro non è finita sul campo con il rosso, ma è proseguita anche nel tunnel con Conte che avrebbe aspettato Maresca per continuare la sua protesta dopo la gestione nel finale di gara, ritenuta non congrua. Si parla di un confronto a muso duro tra i due, con Maresca che avrebbe ripetuto la stessa frase immortalata dalle telecamere in campo al momento dell’espulsione di Oriali, ovvero ‘bisogna accettare anche quando non si vince’, Conte avrebbe invece continuato le sue lamentele sulla direzione arbitrale, soprattutto negli ultimi minuti di gioco. La discussione sarebbe avvenuta di fronte a diversi testimoni e probabilmente in una zona in cui i tesserati nerazzurri non avrebbero potuto accedere.

Chiarimento finale

Con queste premesse il tecnico nerazzurro rischia una squalifica pesante, ma a salvarlo sarebbe poi arrivato un chiarimento prima delle interviste di rito nel post partita. Conte, accompagnato da Marotta, avrebbe di nuovo incontrato Maresca per chiarire l’accaduto, aspetto che dovrebbe portare il Giudice Sportivo a non utilizzare la mano pesante: le giornate di squalifica potrebbero essere due, di fatto l’Inter limiterebbe i danni. Intanto ieri la squadra ha ripreso gli allenamenti in vista del derby di domani di Coppa Italia, la sfida con il Milan, domani ore 20.45 su Rai Uno, vale l’accesso alle semifinali contro la vincente di Juve-Spal.

Leggi anche - Serie A, Atalanta corsara a Milano