Achraf Hakimi (foto ufficiale Inter)
Achraf Hakimi (foto ufficiale Inter)

Udine, 23 gennaio 2021 – L’Inter fallisce l’aggancio al Milan e concede alla Juventus, se batterà domani il Bologna di ritornare nella lotta Scudetto. I nerazzurri sono stati fermati alla Dacia Arena sullo zero a zero dall’Udinese, al termine di una partita molto tattica e brutta: per la prima volta i nerazzurri escono dal campo senza aver segnato in campionato. Milan campione d'inverno.

Musso decisivo su Lautaro

Conte con i fedelissimi, Gotti sceglie Deulofeu al fianco di Lasagna. Come prevedibile, la partita non è esattamente spettacolare: l’Udinese aspetta con attenzione, l’Inter è troppo lenta nella manovra per scardinare la linea difensiva avversaria. Servirebbe una verticalizzazione, arriva all’8’ con De Vrji che pesca Lautaro per il diagonale vincente, ma è fuorigioco. Il canovaccio resta molto tattico, anche se ogni tanto si registra qualche squillo: al 22’ De Paul per la testa di Larsen, palla alta. Un minuto dopo c’è la vera occasione per l’Inter quando Becao sbaglia clamorosamente l’appoggio per Bonifazi, si inserisce Lautaro ma Musso compie il miracolo. Succede poco sul finale di tempo a parte un destro al volo di Barella che sfila a lato del palo. All’intervallo lo zero a zero è il risultato più giusto.

Espulso Conte

La ripresa, se possibile, è ancora più brutta. L’Inter non riesce ad accelerare e ha stranamente un Lukaku avulso dal gioco e un Hakimi impreciso nella fase di assistenza, ne esce una partita masticata, impacciata, compassata. E’ l’Udinese paradossalmente ad avere le migliori chance, una a inizio ripresa con De Paul che pesca in verticale la sponda di Lasagna ma Pereyra spreca da buona posizione, poco dopo è invece l’argentino a scaricare un destro a giro che sibila il palo. L’Inter davanti si vede solo quando Hakimi riesce a sgroppare, ma per tre volte il cross è impreciso e Lukaku sbuffa. Il marocchino ci prova allora in azione personale, diagonale fuori. Finale di polemiche, Conte si infuria per i quattro minuti di recupero, giudicati pochi, e viene espulso per proteste, stessa sorte tocca a Oriali, ma a partita finita. Lo zero a zero porta i nerazzurri a meno due dal Milan, domani la Juve può risalire a meno sette dalla vetta con una partita da recuperare.

Leggi anche - Roma al cardiopalma: 4-3 con lo Spezia