Gli azzurri festeggiano la decima vittoria di fila (Ansa)
Gli azzurri festeggiano la decima vittoria di fila (Ansa)

Zenica, 15 novembre 2019 - L'Italia non si ferma e trova la decima vittoria di fila, diventando così testa di serie nei sorteggi per creare i gironi di Euro 2020: a stendere la Bosnia ci hanno pensato Acerbi (alla prima gioia in azzurro), Insigne e Belotti.

UNO-DUE AZZURRO - E' proprio il Gallo a battere Immobile nel consueto ballottaggio, ma la prima chance del match è firmata da un difensore: è il 3' e Bonucci, dagli sviluppi di un corner, gira al volo trovando però il corpo di Bicakcic come opposizione. Poco dopo è appunto il numero 3 di casa a farsi vedere sull'altro fronte: Donnarumma vola e respinge il colpo di testa dello stopper della Nazionale di Prosinecki. Poco dopo il quarto d'ora Bernardeschi serve a rimorchio Insigne, che calcia di prima centrando in pieno Kvrzic. Al 18' Emerson crossa e pesca proprio l'esterno della Juventus, che stoppa di petto e tira: Sehic devia in angolo. Dagli sviluppi l'Italia trova la rete del vantaggio: c'è ancora lo zampino di Bernardeschi, che salta Kvrzic, passa la sfera a Barella, che lascia il possesso ad Acerbi, bravo a punire Sehic sul secondo palo. La Bosnia subisce il colpo e reagisce solo al 33': Pjanic serve Besic, che calcia al volo ma centra il corpo di Emerson. Al 37' è invece implacabile Insigne che, ricevuta la palla da Belotti, elude la marcatura di Kovacevic e insacca. Stavolta la replica dei padroni di casa è istantanea: prima ci prova Cimirot, che cerca di sfruttare l'uscita bassa di Donnarumma, che però si rialza e salva in maniera prodigiosa. La Nazionale di Prosinecki guadagna un corner che arma il tentativo ravvicinato di Kovacevic: il portiere azzurro mostra ancora i suoi migliori riflessi. Il suo collega Sehic non è da meno sulla botta di Belotti sulla quale cala il sipario sul primo tempo.

SEHIC NON BENISSIMO - Il primo guizzo della ripresa è firmato proprio dal Gallo, che stavolta non perdona: il bomber del Torino raccoglie un passaggio filtrante e castiga con una conclusione a mezza altezza un Sehic non piazzato al meglio tra i pali. I ritmi calano: l'Italia è paga ma al 65' Insigne non disdegna l'ennesima conclusione della sua gara che fa lavorare l'estremo difensore di casa, che si ripete al 74' quando proprio l'esterno del Napoli serve Bernardeschi. L'ultimo sussulto della Bosnia è firmato da Dzeko, che raccoglie un cross sul secondo palo e al volo manda la sfera sopra la traversa. E' lo specchio della partita della sua Nazionale, stesa dalla decima sinfonia dell'Italia di Mancini.