Douglas Costa in azione
Douglas Costa in azione

Torino, 24 maggio 2020 - Ieri Douglas Costa ha sfoggiato sui social un cambio di look: totalmente rasato. Quasi volesse annunciare a tutto il mondo di aver voglia di un nuovo inizio, ma sempre con indosso i colori bianconeri della Juventus. Rientrato alla Continassa nella giornata di venerdì, dopo i 14 giorni di quarantena scontati, il brasiliano si è rimesso subito a lavorare duro. E su di lui pare deciso a puntare forte Maurizio Sarri. Le caratteristiche del giocatore, sommate alla condizioni in cui si riprenderà, infatti portano a pensare che, se starà bene (punto interrogativo non da poco), l'ex Bayern Monaco sarà uno di quegli elementi in grado di fare davvero la differenza. 

Accelerazioni massacranti per le difese, dribbling mortiferi (l'aspetto del gioco che il numero 11 bianconero più ama, come rivelato dal diretto interessato): qualità che l'esterno offensivo classe '90 ha sempre dimostrato di possedere in carriera. Anche durante la sua avventura all'ombra della Mole, seppur facendolo vedere a fasi troppo alterne. Colpa soprattutto della fragilità dei muscoli di Douglas Costa. Basti pensare che in questa stagione, "Flash" è stato costretto a saltare ben 16 gare per problemi fisici, scendendo in campo 18 volte, con due gol realizzati (da stropicciarsi gli occhi quello all'ultimo secondo contro la Lokomotiv Mosca) e cinque assist. 

Statistiche che non spiegano appieno l'impatto di Douglas Costa, specie in apertura di stagione. Ricordate ad esempio la prestazione sfoggiata contro il Napoli? Sembrava l'inizio di una grande annata e invece ecco il primo infortunio muscolare accusato dopo appena otto minuti di gara a Firenze. Parlavamo di cambiamento all'inizio: il brasiliano si augura avvenga soprattutto da questo punto di vista. Con una maggior tenuta fisica, Douglas Costa è convinto di potersi ritagliare un ruolo da protagonista, sfruttando la maggior facilità di entrare in forma rispetto a tanti compagni e a tanti avversari. Sarri lo aspetta, mentre la dirigenza bianconera ragiona sul suo futuro. 

Il Manchester United è interessato da tempo e chissà che non sia disposto anche a parlare di Paul Pogba pur di arrivare a Douglas Costa. Se si venisse a creare un'opportunità del genere, difficilmente la Juve non ascolterebbe la proposta inglese.