E’ ancora Italia nel ciclismo, con tanto di record: in febbraio i nostri hanno vinto ogni domenica. A completare l’opera è Andrea Bagioli (nella foto), valtellinese di 21 anni già azzurro ai Mondiali di Imola: è lui a firmare la Drome Classic, in Francia, staccando tutti sul muro finale e precedendo di 11 secondi Impey, Honorè e il resto del gruppo con Rota, Aru e De Marchi. Per Bagioli, alla seconda stagione tra i pro con la Deceuninck, è il terzo successo in carriera. Italia protagonista anche alla Kuurne-Bruxelles-Kuurne in Belgio: nella classica vinta in volata dall’ex iridato Mads Pedersen sul francese Turgis e il britannico Pidcock, Trentin è quarto e Colbrelli sesto. A segnare la corsa è l’attacco a lunga gittata di Van der Poel e altri quattro uomini, ripresi a due chilometri dall’arrivo. In Italia si comincerà a correre questa settimana: ad aprire il calendario sarà mercoledì il trofeo Laigueglia con Nibali, Bernal, Quintana, Pinot, Landa, Ballerini e Ciccone, sabato la Strade Bianche.

a. cos.