I 72 tennisti dell’Australian Open costretti a 14 giorni di rigorosa quarantena in hotel a Melbourne non riceveranno un trattamento speciale. Lo ha detto il premier di Victoria Daniel Andrews. Il severo rifiuto è arrivato dopo che il numero uno al mondo Novak Djokovic avrebbe inviato una lettera al capo di Tennis Australia Craig Tiley con un elenco di richieste riguardanti le condizioni di quarantena dei giocatori. I giocatori e i loro staff sono stati messi in isolamento, incapaci di lasciare le loro stanze d’albergo per allenarsi, dopo che diverse persone su tre voli charter dell’Australian Open sono risultate positive al Covid-19. Il primo Slam della stagione dovrebbe iniziare l’8 febbraio. "Le persone sono libere di fornire elenchi di richieste, ma la risposta è no", ha detto Andrews ai giornalisti a Melbourne. "So che ci sono state un po’ di lamentele da parte di molti giocatori sulle regole. Beh, le regole si applicano a loro come si applicano a tutti gli altri, e sono stati tutti informati su questo prima di venire... ".