Justin Thomas
Justin Thomas

EPILOGO: Justin Thomas ha conquistato la vittoria al The Players Championship affiancando per precocità, le imprese di tre grandissimi del golf quali Jack Nicklaus, Johnny Miller e Tiger Woods. L'americano ha festeggiato infatti il 14° successo in carriera sul PGA Tour in 165 tornei disputati. I successi comprendono un major e il record è di averli ottenuti prima dei 28 anni, proprio come successe ai tre grandi campioni citati.

A Ponte Vedra Beach Thomas ha concluso il torneo con un parziale in 68 colpi (-4) somma di un eagle, quattro birdie e due bogey. Con il punteggio totale di 274 (-14) colpi, ha superato al fotofinish la concorrenza di Lee Westwood (leader dopo il secondo e terzo giro), che ha concluso al secondo posto per la seconda settimana consecutiva e l'ottava volta in carrieracon 275 (-13). Alle sue spalle, a una lunghezza, gli statunitensi Bryson DeChambeau (che non è riuscito a bissare l'exploit all'Arnold Palmer Invitational della scorsa settimana) e Brian Harman. Top 10 e nona piazza (280, -8) per gli spagnoli Jon Rahm e Sergio Garcia.

Thomas al termine della gara si è commosso e ha dedicato l'impresa a due figure così importanti per la sua vita quali il nonno, recentemente scomparso, e Tiger Woods. "Sono stati mesi difficili - ha detto tra le lacrime di gioia il 27enne di Louisville - e questa è una gioia enorme. Vorrei tanto parlare con mio nonno e spiegargli quanto sia felice per questo successo che dedico anche a Tiger, con la speranza possa rimettersi presto".

Il giocatore del Kentucky con questo successo balza dalla terza alla seconda posizione del world ranking superando Jon Rahm e portandosi alle spalle di Dustin Johnson, autore di un torneo deludente. Non solo: sono dieci le posizioni scalate nella FedEx Cup, dove adesso è dietro solo a DeChambeau. In Florida Thomas ha fatto bottino pieno incassando anche un assegno di 2.700.000 dollari a fronte di un montepremi complessivo di 15.000.000, il più in alto in assoluto per qualsiasi torneo di golf. E con questa vittoria diventa anche il quarto giocatore dopo Woods, Henrik Stenson e Rory McIlroy a conquistare il The Players, un Major (il PGA Championship 2017), un WGC e un titolo FedEx Cup. Per la sesta stagione consecutiva Thomas "incassa" anche una vittoria sul massimo circuito americano ed è sempre più tra i grandi del golf maschile.

Ancora una beffa per Westwood che, a quasi 48 anni, continua a stupire senza però riuscire a imporsi sul PGA Tour. L'inglese, numero 1 d'Europa nel 2020, è a secco di successi sul circuito dal 2010. Dal 2019 solo Webb Simpson era riuscito a chiudere per due volte consecutive eventi del PGA Tour al secondo posto. Il The Players Championship ha regalato spettacolo ed emozioni. E quest'anno sono state 66 le palle finite in acqua all'iconica buca 17 del TPC Sawgrass contro le 45 del 2019 (nel 2020 il torneo fu annullato, causa Covid, dopo il primo giro), le 54 del 2018 e le 69 del 2017.