Sabato 25 Maggio 2024

Terreni di Sanseverino. Intensità e struttura con una grande storia

Vini da uve Montepulciano e Vernaccia

La nostra storia. La DOC viene riconosciuta nel 2004, ma la sua storia è secolare e legata a figure medievali, a Papi e Abati, a letterati e scienziati, ai commerci con Roma e con la vicina Umbria.

Il cultivar ha radicato nei secoli uno stretto legame con l’ingegno e la perseveranza dell’uomo che ha tramandato le tradizioni e il rispetto verso il territorio in tutte le successive generazioni. Un’interlocuzione che porta, oggi, una Doc dai numerosi pregi, ottenuta principalmente da Vernaccia e Montepulciano.

Il territorio. Siamo nel Comune di San Severino, in provincia di Macerata. Una zona attraversata da ovest ad est dal fiume Potenza, mentre a nord ha origine il fiume Musone. Dista dal mare circa 60 Km ed è delimitato ad ovest dal contrafforte pre-appenninico del monte San Vicino.

Il clima presenta una scarsa disponibilità di umidità e il terreno si caratterizza per substrati calcarei generalmente stabili e prevalenza di calcisuoli e marne.

Ma tutto si adagia in quella varietà paesaggistica tipica marchigiana che vuole un’armonica alternanza di colline, corsi d’acqua e una relativa vicinanza all’Adriatico.

Caratteristiche. Il rosso, anche nella tipologia Superiore, delinea una sua struttura importante. Si presenta in un limpido color rubino.

In ambito olfattivo spiccano note intense e speziate con inequivocabili sentori di chiodi di garofano e cannella alternati a elementi fruttati di ribes nero, more e prugna. Il sapore leggermente astringente e sapido ripercorre le note olfattive e si interseca armoniosamente con gastronomie e piatti di carattere.