Martedì 21 Maggio 2024

Rosso Conero. Il gioiello di Mercante

Produzione biologica dal 2004 e la scelta di intervenire il minimo. Il vino di punta è il Rubeus, che invecchia in botti grandi.

Rosso Conero. Il gioiello di Mercante

Rosso Conero. Il gioiello di Mercante

Il Rosso Conero è una passione, la filosofia di intervenire il meno possibile sul vino, una scelta precisa. La cantina Mercante, è una realtà piccola, ma estremamente vitale che si trova a Camerano, in provincia di Ancona: 8 ettari vitati che producono soprattutto rossi, fra i quali, ovviamente il Rosso Conero. "Vendiamo quasi tutto localmente – spiega Oriano Mercante –. Crediamo da sempre nel bio e siamo stati i primi a produrre rosso conero biologico, a partire dal 2004". Una passione pioneristica che ha portato la cantina a registrare per il suo sito il dominio rossoconero.it.

Il Rosso Conero Doc base si chiama Betellico, la selezione è il Finestre Rosse, che invecchia in grandi botti di rovere. Poi c’è il pluripremiato Rubeus, Conero Docg riserva di Montepulciano in purezza: "Passa almeno due anni in botti grandi – prosegue Mercante –, non usiamo barrique. Poi attende in bottiglia. Oggi è in commercio il 2018 ma può invecchiare a lungo, ho bottiglie del 2004 che sono ottime. E ho una convinzione: meno si lavora un vino, più dura". Mercante produce anche un bianco di struttura: "Si chiama Alba del monte, perché la vigna vede il sole che sorge sul Conero – conclude –, è un Esino bianco doc metà Verdicchio e metà Pecorino, fa la macerazione con le bucce ed è un vino dorato con 14-15 gradi, ottimo con diversi piatti di pesce".