Venerdì 19 Luglio 2024

Incompatibilità Bonus facciate e mobili L'Agenzia delle Entrate fa chiarezza

Agevolazione / Spetta ai contribuenti che godono della detrazione che è prevista dall’articolo 16-bis

Il Bonus Facciate nel 2022 è sceso dal 90% al 60%

Il Bonus Facciate nel 2022 è sceso dal 90% al 60%

Bonus Mobili ed elettrodomestici, facciate, ristrutturazioni, Ecobonus, Sismabonus, Superbonus: FiscoOggi, la rivista online a cura dell’Agenzia delle Entrate, ci permette di chiarire le questioni legate alla compatibilità tra le varie agevolazioni edilizie. Sappiamo che il Bonus Ristrutturazioni al 50% dà sempre diritto a quello Mobili ed Elettrodomestici e che quest'ultimo è compatibile con Sismabonus e Sismabonus Acquisti, ma non con l'Ecobonus. E se, invece, si esegue un intervento di manutenzione straordinaria sulle facciate della propria abitazione, accedendo allo specifico bonus al 90%, si può usufruire anche di quello Mobili ed Elettrodomestici? La risposta è no, in quanto la suddetta agevolazione spetta ai contribuenti che usufruiscono della detrazione prevista dall’articolo 16-bis del Tuir (Bonus Ristrutturazioni, attualmente al 50%) per determinati interventi di recupero del patrimonio edilizio, e a chi ha realizzato interventi finalizzati alla riduzione del rischio sismico (e usufruisce del Sismabonus) e interventi antisismici per i quali spetta il Superbonus (indicati nel comma 4 dell’articolo 119 del decreto legge n. 34/2020). Di fatto, il Bonus Facciate non è contemplato neppure nei casi in cui gli interventi siano di "manutenzione straordinaria". L’Agenzia delle Entrate ha recentemente aggiornato le sue guide ufficiali al Bonus Facciate (al 60% per il 2022 – non più 90% – e in scadenza a fine anno), al Bonus Ristrutturazioni (confermato al 50% fino al 2024) e al Bonus Mobili ed Elettrodomestici (50% su una spesa massima di 10mila euro per il 2022, 5mila per '23 e '24). L'agevolazione può essere richiesta dai soggetti che hanno realizzato interventi di riduzione del rischio sismico e usufruiscono del Sismabonus o del Superbonus. Non danno, invece, diritto al Bonus: ristrutturazione 50% su misure antifurto, cablatura degli edifici, contenimento dell’inquinamento acustico, lavori di risparmio energetico, misure antisismiche, bonifica dall’amianto, opere volte a evitare gli infortuni domestici, Ecobonus 50% e 65% e Superbonus 110% per lavori di risparmio energetico.