In Riviera svago senza barriere: ecco dove

La Regione Emilia-Romagna investirà 1.760.000 euro per favorire il turismo accessibile sulla Riviera Romagnola

Riviera Romagnola “senza barriere”: ammonta a 1.760.000 euro il più importante piano di investimento e finanziamento della Regione Emilia-Romagna (a cui si aggiungeranno ulteriori investimenti da parte di alcune delle amministrazioni dei territori aderenti al progetto) per favorire il turismo accessibile e sostenere gli operatori turistici, i servizi e le strutture che si occupano di questo segmento turistico sulla Costa.

L’operazione riguarda un’area test di 14 località costiere, dai Lidi di Comacchio (Ferrara) a Cattolica (Rimini). Il progetto, della durata di due anni, si chiama “In Emilia-Romagna c’è una vacanza per me” e sarà veicolato con il claim: Welcome EveryBody Emilia-Romagna. L’importo complessivo di 1.760.000 euro è stato presentato dalla Regione Emilia-Romagna e approvato dalla Presidenza dei Consiglio dei ministri, Ufficio per le politiche in favore delle persone con Disabilità. Obiettivo: favorire la capacità delle località coinvolte di accogliere turisti con disabilità e i loro familiari.

Le risorse messe in campo da una parte andranno ad accelerare la sistematizzazione di tutte le informazioni utili all’ospite, grazie ad un censimento delle strutture (hotel e campeggi, musei, ristoranti e stabilimenti balneari, con le loro caratteristiche), dei servizi sanitari sul territorio, nonché attraverso la raccolta sistematica di tutte le opportunità legate a tempo libero, sport, iniziative culturali e servizi disponibili. Il tutto andrà a confluire sul portale turistico www.emiliaromagnaturismo.it. Allo stesso tempo si punterà al miglioramento e alla promozione dell’offerta di turismo accessibile della Riviera. Per fine mese sono previsti webinar formativi per gli operatori e sarà online il formulario per il censimento delle strutture e la mappatura dei servizi disponibili per i turisti con disabilità o altre caratteristiche che comportano esigenze particolari o aggiuntive.