Lo stress accorcia la vita, ma c’è un modo per arginarlo: regolare le nostre emozioni

Lo stress quotidiano agisce sul nostro orologio biologico rallentandolo, ma coltivare la resilienza e l’autocontrollo possono fermare i suoi effetti

07/12/2021
stress-vita-resilienz

Lo stress  ci fa invecchiare. Si tratta spesso di una nostra sensazione, che viene confermata dalla scienza.
La ricerca di recente ha studiato modi per misurare l’età biologica monitorando i cambiamenti chimici nel DNA che si verificano naturalmente quando le persone invecchiano, e ha spiegato che lo stress è sicuramente un fattore che influenza la nostra salute e, al limite, accorcia la vita.
Un nuovo studio dell’Università di Yale ha cercato di trovare risposte alla domanda su quanto lo stress accelera l’orologio biologico e ha provato a indagare se ci sono modi per arginarlo e prolungare la vita con una condotta sana.
Quello che hanno scoperto, nel paper pubblicato sulla rivista Translational Psychiatry, è che lo stress fa davvero accelerare l’orologio della vita, ma anche che possiamo gestire gli effetti di questa dinamica agendo sulla regolazione delle emozioni e sull’autocontrollo.

 

Come lo stress ci fa invecchiare

I ricercatori di Yale hanno studiato per anni i modi in cui lo stress influenza il nostro orologio biologico e erode la nostra salute mentale e fisica.
Hanno arruolato 444 persone, di età compresa tra 19 e 50 anni, che hanno fornito campioni di sangue utilizzati per valutare i cambiamenti chimici legati all’età e poi hanno anche risposto a un questionario sui livelli dello stress percepito.

Quello che è emerso è che lo stress prolungato aumenta il rischio di malattie cardiache, dipendenza, disturbi dell’umore e disturbo da stress post-traumatico. Inoltre può influenzare il metabolismo, accelerando lo sviluppo di disturbi come il diabete. Ma non basta: lo stress indebolisce anche la nostra capacità di regolare le emozioni e di pensare con chiarezza.
I ricercatori hanno anche scoperto che i volontari che soffrivano di alto stress cronico hanno mostrato marcatori di invecchiamento accelerato e cambiamenti fisiologici come una maggiore resistenza all’insulina.

 

Rallentare l’orologio biologico

Lo stress agisce in modo diverso a seconda delle persone. I soggetti che avevano ottenuto un punteggio elevato nella resilienza psicologica si mostravano più resistenti agli effetti dello stress sull’invecchiamento. “Questi risultati supportano l’idea popolare che lo stress ci faccia invecchiare più velocemente”, spiega l’autore Zachary Harvanek, “ma suggeriscono anche un modo promettente per ridurre al minimo queste conseguenze negative dello stress attraverso il rafforzamento della regolazione delle emozioni e dell’autocontrollo“.
Insomma, più il soggetto è psicologicamente resiliente, maggiore è la probabilità che viva una vita più lunga e più sana: “è una cosa interessante rafforzare nella mente delle persone che dovremmo fare un investimento nella nostra salute psicologica” concludono gli studiosi.