Giovedì 16 Maggio 2024

“Drogata e violentata da due uomini conosciuti su Instagram”. Roma, 20enne denuncia lo stupro: un fermo

“Li ho incontrati in un locale, mi hanno portato in un appartamento e hanno abusato di me”. Soccorsa dal fidanzato che la localizza con il cellulare. Fermato un 30enne, la polizia a caccia del complice

Polizia in azione (foto di archivio, Germogli)

Polizia in azione (foto di archivio, Germogli)

Roma, 24 aprile 2024 – Adescata sui social poi costretta a salire in un appartamento e lì violentata da due uomini. E’ quanto ha denunciato una ragazza di 20 anni a Roma. Ad ora la polizia ha fermato un 30enne, indiziato per il presunto stupro.

E’ successo tutto il 17 aprile. Secondo il suo racconto, la ragazza era entrata in contatto con due uomini in chat su Instagram. Quel giorno ha accettato di incontrarli per un aperitivo. I tre hanno bevuto qualcosa in un locale di Roma, poi i due giovani, forse nordafricani, si sono offerti di accompagnarla in auto alla fermata della metropolitana. Ma i loro piani erano evidentemente diversi. Di lì a poco la ragazza si è ritrovata in un appartamento di Tor Bella Monaca, dove sarebbe stata narcotizzata o drogata e poi violentata da entrambi. 

A dare l’allarme – stando alla ricostruzione della polizia – è stato il fidanzato della vittima che l’ha rintracciata il giorno dopo, 18 aprile, localizzando con il gps il suo cellulare. Era preoccupato perché lei non gli rispondeva da ore. Quando l'ha raggiunta, in un bar in zona Torre Angela, alla periferia est di Roma, la giovane era sotto choc. L’ha portata in ospedale dove è stata visitata e dimessa con una prognosi di 40 giorni. La ragazza ha poi denunciato tutto alla polizia del commissariato Casilino. 

In poco tempo gli agenti hanno rintracciato e fermato un 30enne cittadino tunisino. Ad incastrarlo ci sarebbero le telecamere di sicurezza del locale in cui i tre i sono visti. Intanto gli inquirenti stanno setacciando i social per ricostruire la vicenda e dare un volto al complice.