Martedì 11 Giugno 2024

Roma, svastiche e saluto romano al funerale della militante di Forza Nuova: chiesto processo per 8 persone

I fatti risalgono al 10 gennaio 2022 per i funerali di Alessia Augello. Il pm contesta la violazione delle leggi Scelba e Mancino

Roma, saluto romano ad un funerale (Ansa)

Roma, saluto romano ad un funerale (Ansa)

Roma, 11 giugno 2024 – Chiesto il processo per gli otto militanti di estrema destra che il 10 gennaio 2022 esposero la bandiera nazista e fecero il saluto romano gridando il ‘presente’ durante i funerali della militante di Forza Nuova, Alessia Augello, nella chiesa di Santa Lucia a Roma. Il pm Erminio Amelio contesta la violazione delle leggi Scelba e Mancino in materia di apologia di fascismo e incitamento alla discriminazione, all’odio e alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali e religiosi. Nel corso dell’udienza preliminare di oggi il pm ha depositato una integrazione al capo di imputazione relativa all’articolo 2 della legge Mancino. Il procedimento è stato aggiornato ad ottobre. Alessia Augello morì in seguito ad un male improvviso, ad appena

44 anni. Il giorno dei funerali – secondo quanto ricostruito dagli inquirenti – i militanti si schierarono tutti di lato alla tomba, coperta con una bandiera rossa con al centro una grande svastica nera, e urlarono 'presente'.