Martedì 28 Maggio 2024

Francesco Valdiserri, ai funerali anche Giorgia Meloni. La 23enne resta ai domiciliari

Il gip ha convalidato l'arresto di Chiara Silvestri, accusata di omicidio stradale. L'ultimo saluto al 18enne falciato sul marciapiede a Roma, la madre agli amici: "Non disperatevi, siate felici". L'appello del papà: "Se bevete non guidate". La premier a Testaccio con i neoministri Tajani e Bernini e il presidente del Senato La Russa. Presente anche Enrico Letta

Giorgia Meloni ai funerali di Francesco Valdiserri a Testaccio, Roma (Ansa)

Giorgia Meloni ai funerali di Francesco Valdiserri a Testaccio, Roma (Ansa)

Roma, 22 ottobre 2022 - Una piazza muta, a Testaccio, si è stretta intorno alla famiglia di Francesco Valdiserri, il 18enne travolto da un'auto sul marciapiede nella notte tra mercoledì e giovedì scorso. Ai funerali oggi c'era anche la neopremier Giorgia Meloni, fresca di giuramento. Non era l'unica rappresentante delle istituzioni: alle esequie hanno partecipato anche i ministri Antonio Tajani, Anna Maria Bernini, il presidente del Senato Ignazio La Russa, il segretario del Pd Enrico Letta e la parlamentare di Azione Mara Carfagna. I genitori di Francesco, giornalisti del Corriere della Sera sono molto conosciuti a Roma, anche negli ambienti della politica. Proprio Meloni, subito dopo l'incidente, aveva dedicato un tweet alla madre, Paola Di Caro: "Cammineremo con te perché tu non sia sola mentre attraversi l'inferno". Ieri aveva fatto notizia la lettera di Francesco Totti consegnata al Corriere e rivolta idealmente a "Luca (Valdiserri) e Paola" , che "hanno percorso con me la mia crescita da ragazzo a uomo a padre". 

Leggi anche: Bollo auto 2023: il calendario delle scadenze e le sanzioni per i ritardi

Nuovo codice della strada 2023: sotto la lente patente a punti e controlli rafforzati

Guida in stato di ebbrezza: verso la stretta. Come potrebbe cambiare il codice

Nuovi autovelox e multe: dai controlli ai segnali, cosa cambia per gli automobilisti

 Strage sulle strade, lo strazio di una mamma: mio figlio morto, l'impegno per la sicurezza

 All'ingresso della chiesa di Santa Maria Liberatrice un lungo striscione "Per sempre con noi", e un secondo giallorosso con la scritta "Ciao Francesco". "Figlio adorato, un fratello allegro, un ragazzo felice e buono a cui piacevano la musica e il canto", lo ha ricordato il parroco. "Perché hai permesso questa morte tragica?", si è chiesto il sacerdote. La risposta della fede: "In questo momento il cuore è turbato, ma fidiamoci della parola di Dio. Francesco è paradiso". Tra i tanti seduti sulle panche gli amici della band Origami Smile, gli studenti del liceo Socrate, i colleghi giornalisti dei genitori. 

Le parole dei genitori: "Siate felici, non sprecate il tempo"

Toccanti le parole di Paola Di Caro che ha trovato il coraggio di parlare in chiesa e di chiedere lei agli altri di non disperarsi per la morte del figlio: "Gli amici di Francesco hanno riempito la nostra casa di gioia sempre e li aspettiamo sempre - ha detto Paola Di Caro, la mamma del giovane -. Vi chiedo di non lasciarvi andare ai momenti di disperazione, fate di tutto per essere felici se lo volete ricordare. C'è tanto tempo per essere felici e non va sprecato. Vi voglio bene". Poche le frasi del papà: "Francesco - ha detto - vi ha voluto bene e sarebbe stato felicissimo di vedervi qui. Io ho finito le lacrime e le parole". Luca Valdiserri ha anche lanciato un appello: "Se bevete non guidate". La ragazza che ha investito il figlio, Chiara Silvestri, era positiva all'alcol test.

Clicca sulla foto per vedere la gallery 

false

Convalidato l'arresto di Chiara Silvestri

Chiara Silvestri resta ai domiciliari. Lo ha deciso oggi il gip che al termine dell'interrogatorio di convalida ha confermato l'accusa di omicidio stradale aggravato dalla guida in stato di ebrezza. Sulla posizione della 23enne grava anche la passata sospensione della patente sempre per guida sotto gli effetti dell'alcol. Davanti al giudice la ragazza ha detto di non ricordarsi dell'incidente, di non aver visto i due ragazzi sul marciapiede (Francesco era con un amico che si è salvato), di non sapere perché abbia sbandato perdendo il controllo dell'auto. "E' ancora sotto choc", ha commentato il suo avvocato.

La Procura di Roma ha disposto una perizia sul suo telefono cellulare per chiarire se la ragazza stesse lo stesse utilizzando negli istanti precedenti al tragico impatto. Chi indaga disporrà anche una seconda perizia per accertare la velocità a cui viaggiava la sua Suzuki Swift.