Sabato 20 Luglio 2024
MASSIMILIANO MINGOIA
Politica

Salvini e Vannacci. Il generale:: "Scateneremo l’inferno"

La Lega infiamma piazza Duomo, il leader: ora la pace

Salvini e Vannacci. Il generale:: "Scateneremo l’inferno"

Salvini e Vannacci. Il generale:: "Scateneremo l’inferno"

Roberto Vannacci cita “Il Gladiatore“, Matteo Salvini fa il pacifista. Il generale candidato con la Lega e il segretario del Carroccio e vicepremier si presentano nella piazza dietro al Duomo, dove Silvio Berlusconi si prese il ‘Duomino’ in faccia, e scelgono strategie diverse ma complementari per il comizio milanese della Lega in vista delle elezioni europee di sabato e domenica prossimi. Lo striscione dietro al palco recita "Più Italia! Meno Europa. Torniamo liberi". I militanti e simpatizzanti lumbard accorsi in centro sono poco più di trecento. Durante i primi interventi di governatori e ministri, c’è un momento di tensione: una quarantina di militanti del Centro sociale Lambretta provano ad avvicinarsi a un gazebo della Lega, hanno in mano cartelloni con la scritta "Vannacci sei normale?", ma vengono respinti dalla forze dell’ordine, scudi alla mano. Sì, il più atteso è lui, il generale prestato alla politica, candidato dalla Lega in tutti i collegi italiani. Vannacci, camicia bianca, abbronzatura evidente, capelli appena tagliati, sale sul palco prima di Salvini, saluta i milanesi e, memore della polemica sul suo video sulla Xª Flottiglia Mas, rilancia: "Siete tantissimi. Come avere davanti a sé una legione, la decima legione. Ci sono tantissime ragioni per cambiare l’Europa, ma io ve ne racconterò una sola, la decima...". La citazione del film “Il Gladiatore“ di Ridley Scott è chiara e lo diventa ancora di più quando il generale, salutando la folla alla fine del suo comizio, parafrasa la frase cult di quella pellicola, pronunciata da Russell Crowe: "Al vostro segnale scateneremo l’inferno".

Salvini, invece, lancia un messaggio diametralmente opposto ai militanti lumbard: "Questa è una piazza che più di tutte invoca e vuole costruire la pace". Ogni riferimento alle guerra tra Russia e Ucraina e tra Israele e Palestina è puramente voluto. "Per quanto tempo dovranno volare le palle di cannone prima che vengano bandite per sempre? ‘La risposta se ne va nel vento, amico mio’". Il leader del Carroccio, a sorpresa, cita le parole della canzone pacifista Blowin’ in the Wind di Bob Dylan. Non è finita. Perché Salvini annuncia che "nei prossimi giorni i gruppi della Lega alla Camera e al Senato proporranno documenti per impegnare il Parlamento a rispettare l’articolo 11 della Costituzione: ‘L’Italia ripudia la guerra’. Mai un soldato italiano a morire in Ucraina, mai un missile italiano a spargere sangue in Russia".

E quando il vicepremier finisce di parlare, parte ‘Generale’, canzone pacifista del cantautore di sinistra Francesco De Gregori. Vannacci, intanto, come una rockstar scende dal palco e va a fare autografi e selfie con i militanti leghisti in prima fila al comizio. Poco prima aveva promesso che se eletto a Bruxelles, "se ogni attività propositiva dovesse fallire, allora comincio con la mia specialità: il sabotaggio... di qualsiasi iniziativa che dovesse distruggere le nostre tradizioni".

Salvini, poco prima, aveva lanciato una stoccata alla segretaria del Pd: "Un saluto a un’altra piazza milanese, un saluto a Elly Schlein: la sua guida del Pd è garanzia che per 30 anni la Lega starà al Governo". La profezia finale del Capitano? "La Lega sarà la più bella sorpresa delle Europee". Domenica prossima, la risposta delle urne.

Approfondisci:

Vannacci a ‘L’aria che tira’: “Non mi piace la bandiera europea. Manca la croce cristiana”. Poi la gaffe sull’inno

Vannacci a ‘L’aria che tira’: “Non mi piace la bandiera europea. Manca la croce cristiana”. Poi la gaffe sull’inno