Venerdì 12 Aprile 2024

Gravina indagato ora pretende verità: "Accuse false, ora fuori chi manovra"

Il presidente della Federcalcio Gabriele Gravina, indagato per autoriciclaggio, chiede i nomi dei mandanti delle accuse legate ai diritti televisivi della Lega Pro. Dopo l'interrogatorio, si difende definendo le accuse come falsità e si dichiara determinato a scoprire la verità.

Gravina indagato ora pretende verità: "Accuse false, ora fuori chi manovra"

Gravina indagato ora pretende verità: "Accuse false, ora fuori chi manovra"

Il presidente della Federcalcio Gabriele Gravina (foto), indagato dalla Procura di Roma per autoriciclaggio, ora vuole i nomi dei "mandanti" delle accuse mosse nei suoi confronti, i presunti illeciti legati ai diritti televisivi della Lega Pro. Dopo l’interrogatorio da lui stesso sollecitato e nel quale c’è stata la formale iscrizione nel registro degli indagati, il numero uno del calcio italiano passa dunque all’attacco. "Mi sono dovuto far indagare per potermi difendere contro il secondo dossieraggio, che sono le falsità di qualcuno che si diverte con veline anonime. E immagino che la fonte sia sempre la stessa" ha detto Gravina, a margine dell’incontro con gli arbitri.

"Io ho esibito documenti ufficiali con data certa e tutto ha avuto risposte e riscontro. Ho chiesto l’accertamento della verità. Se ci sono responsabilità voglio capire oltre chi ha predisposto il dossieraggio anche i nomi dei mandanti".

"A livello personale c’è amarezza –ha detto ancora

Gravina –. Quando rivesti un ruolo istituzionale e ti colpiscono a livello personale poi soffri. Soffro per la mia persona fisica. Venendo attaccato sul piano della credibilità questo mette in difficoltà il sistema che qualcuno cerca di minare. Ma chi mi conosce sa che sono forte nelle mie reazioni. Questa vicenda mi renderà più forte.