Tamponi rapidi nelle farmacie
Tamponi rapidi nelle farmacie

Napoli, 13 ottobre 2021 - Sono 280 i casi positivi al Covid in Campania, nelle ultime 24 ore, su 17.633 test esaminati, sono 72 casi in più rispetto ai 208 i positivi rilevati ieri 12 ottobre a fronte di 17.829 tamponi processati Ieri l'indice di contagio era pari all'1,16%, oggi sale leggermente all'1,58%. Tre i decessi nelle ultime 48 ore; 1 deceduto in precedenza ma registrato ieri. Negli ospedali resta stabile la situazione nelle terapie intensive con 17 posti letto occupati (-1); lieve diminuzione di ricoveri in degenza con 174 posti letto occupati (-3). Covid Campania, 208 casi. Confesercenti: "Green pass utile, ma penalizza piccole aziende"

Obbligo Green pass per i lavoratori dal 15 ottobre: tamponi disponibili nella farmacie di Napoli

Nessuna criticità in vista nelle farmacie di Napoli per venerdì 15 ottobre, quando il green pass diventerà obbligatorio nei luoghi di lavoro e i non vaccinati dovranno necessariamente sottoporsi al tampone. Il presidente di Federfarma Napoli, Riccardo Maria Iorio, sgombra il campo da eventuali preoccupazioni e spiega: "Attualmente non ci sono grosse criticità né sono previste da venerdì. Tra Napoli e provincia ci sono circa 500 farmacie su 800 nelle quali è possibile fare un tampone, quindi non credo che si verificheranno particolari problemi. Tutta l'operazione ormai non richiede più di un quarto d'ora tra l'esecuzione del tampone e l'attesa del risultato". C'è inoltre un altro dato che Iorio sottolinea e che fa ben sperare: "Io ho una farmacia nella quale, oltre ai tamponi, si somministrano anche i vaccini anti Covid e negli ultimi giorni ho effettuato un gran numero di vaccini, tutte persone che non avevano ancora fatto la prima dose. Dpcm Green Pass lavoro: come funzioneranno i controlli nelle aziende / Pdf

Le farmacie di Napoli e provincia hanno iniziato a fare le vaccinazioni da inizio luglio - ricorda Iorio -. Dal 1° luglio ad oggi abbiamo fatto oltre 45mila vaccinazioni, di queste 15mila sono state fatte nell'ultimo mese. Questo significa che sono persone che si stanno convincendo a vaccinarsi e che tra 20 giorni faranno la seconda dose, dopodiché non avranno più bisogno del tampone. Ci sarà sempre uno zoccolo duro, che sarà circa il 10%: quelli avranno bisogno del tampone giornalmente se la situazione nel frattempo non cambierà, ma sono numeri gestibili. Ci può essere la singola farmacia che può andare momentaneamente in difficoltà, ma parliamo di singoli casi. Con così tante farmacie che fanno i tamponi, basta spostarsi di pochi metri per trovarne un'altra". Nessuna preoccupazione neanche sul fronte dell'approvvigionamento dei tamponi: "Si è diffuso, per così dire, un allarme sul fatto che sarebbero mancati i tamponi, ma - rassicura Iorio - io stesso ne ho ordinati ieri senza alcun problema, così come stanno facendo anche tante altre farmacie".