Meteo, ondata di caldo sull'Italia (Ansa)
Meteo, ondata di caldo sull'Italia (Ansa)

Roma, 31 luglio 2020 - L'afa non dà tregua, anche di notte. A tarda sera, in molte città, le temperature restano ancora vicine ai 30 gradi. Il picco del caldo comunque si avvicina, in quella che al momento è la settimana più rovente dell'estate. Ilmeteo.it, nelle sue previsioni meteo, ricorda che un vasto anticiclone si espande, in queste ore, dall'Africa verso l'Italia: da Nord a Sud la colonnina di mercurio aumenta sensibilmente e il tempo si mantiene piuttosto stabile in tutte le regioni. Una prima svolta non è lontana, ma ci sarà ancora un po' da attendere, indicativamente fino a domenica.

Focus / Caldo, il 65% delle province italiane supera la media europea

Maltempo: 30 turisti bloccati in Val di Pejo

Le temperature, città per città

Il team del sito comunica che le giornate più calde di questa prima parte dell'estate saranno quelle di oggi e sabato 1 agosto, quando si raggiungeranno valori prossimi ai 35/36 gradi ad Aosta, Bolzano, Torino, Milano e fino a 38/39 gradi a Bologna e Ferrara. Solo qualche grado in meno a Venezia (33 gradi) e Genova con 28/29 gradi. Al Centro toccheremo picchi fino a 40 gradi nelle aree interne della Toscana, come a Firenze. Roma salirà a 37/38 gradi, come pure Perugia. Un po' meno caldo solamente lungo i litorali adriatici: ad Ancona si raggiungeranno comunque i 34 . Anche il Sud non sarà certo risparmiato dalla pesante canicola con i valori più alti in Puglia, dove saliranno verso i 40/41 a Taranto e a Foggia. Seguiranno Bari con 36 e il resto del Sud, con Reggio Calabria e Napoli a 34/35 . Ma sul gradino più alto le nostre Isole maggiori: soprattutto domani si toccheranno i 42/43 nelle zone interne della Sardegna, a Sanluri e nelle aree intorno a Oristano, mentre in Sicilia i 41/42 a Ragusa, Siracusa e Agrigento.

La svolta temporalesca

Gli esperti avvisano, però, che nella giornata di domenica 2 agosto un fronte temporalesco alimentato da un vortice ciclonico in discesa dal Nord Europa si avvicinerà all'Italia, provocando i primi fenomeni temporaleschi a partire dall'arco alpino centro-occidentale. Visti i forti contrasti termici, non è esclusa la formazione di imponenti celle temporalesche con il serio rischio di grandinate in sconfinamento fin verso le pianure di Piemonte e Lombardia. Tra la serata e la notte i rovesci potranno raggiungere anche il Veneto e l'Emilia con la possibilità di veri e propri nubifragi. Qualche piovasco, infine, è atteso anche sulle aree interne del Centro. I siti specializzati per ora vedono temperature più nella norma nel corso della prossima settimana.