di

Pupo

I nostri giovani stanno attraversando il momento storico più duro e difficile di sempre. Non hanno più punti solidi di riferimento. Non credono più nel futuro, hanno capito che la loro attesa è un inganno. Non c’è più niente e nessuno da aspettare, perché nessuno è “partito” e nessuno deve “arrivare”. Gli psicoanalisti sono presi d’assalto da ragazzi che non riescono più a trovare un senso alla vita. Di fronte a tutto ciò noi, genitori e nonni, ci sentiamo inadeguati, impotenti. No, miei amati lettori, così non va bene. Anche a costo di sacrifici importanti, dobbiamo stare accanto ai nostri figli e ai nostri nipoti e portarli fuori dal tunnel in cui, anche per colpa nostra, sono finiti. Nessun specialista, nessun luminare, può farlo meglio di noi.