Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
31 mag 2022

Protesi ossee: in arrivo un materiale rivoluzionario

Una nuova lega metallica estremamente resistente e flessibile potrebbe essere utilizzata per creare gli impianti ossei dei pazienti costretti alla sostituzione di ossa e articolazioni

31 mag 2022
Una protesi per l'anca
Una protesi per l'anca
Una protesi per l'anca
Una protesi per l'anca

Gli scienziati dell’Università giapponese di Tohoku sono riusciti a creare un nuovo biomateriale a base di cromo che abbina un’ottima resistenza all’usura ad un’eccellente flessibilità, due caratteristiche proprie delle ossa umane. La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Advanced Materials e potrebbe aprire nuovi e molto interessanti orizzonti per tutti i pazienti costretti a utilizzare impianti medici.

Una lega metallica che somiglia alle ossa umane
Per la costruzione di protesi moderne ed efficaci si utilizzano leghe metalliche estremamente elastiche che combinano due esigenze fondamentali: flessibilità e resistenza agli sforzi.
Gli impianti medici utilizzati finora, però, contengono nichel e si prestano quindi abbastanza di frequente a reazioni allergiche che possono pregiudicare i risultati dell’operazione.
Gli scienziati giapponesi sono riusciti a creare un nuovo materiale, nominato Co-Cr-Al-Si (CCAS), a base di cromo e completamente privo di nichel, che, durante i primi test, ha mostrato una capacità di deformazione doppia rispetto alle vecchie protesi e una flessibilità molto simile a quella delle ossa umane.
Gli stessi ricercatori sono rimasti sorpresi dai risultati ottenuti utilizzando il cromo per gli impianti ossei. "Sapevamo che questo materiale – si legge nel paper - possiede una forte resistenza corrosiva, ma la superelasticità, la flessibilità e la significativa resistenza all'usura del materiale a base di cobalto-cromo che abbiamo utilizzato ci hanno sorpreso".

Ci vorranno altri esperimenti
Dopo gli ottimi risultati nei test di laboratorio la nuova lega metallica messa a punto dal team di ricerca avrà bisogno di ulteriori studi prima di passare alla sperimentazione sugli esseri umani. Già ora, però, gli scienziati sono sicuri che “il nuovo biomateriale è un candidato promettente per applicazioni biomediche”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?