Venerdì 12 Aprile 2024

Chi vincerà gli Oscar 2024? I favoriti e le nuove regole di voto

Criteri più stringenti in materia di rappresentazione delle etnie e degli orientamenti sessuali. Anche se Christopher Nolan e il suo 'Oppenheimer' sembrano avere la statuetta già in mano, non è detta l'ultima

Justine Triet, è l'unica regista in lizza per l'Oscar. Con 'Anatomia di una caduta' ha vinto la Palma d'Oro al Festival di Cannes (Epa)

epa10658729 Director Justine Triet (R) reacts onstage after winning the Palme d'Or for 'Anatomie d'une Chute (Anatomy of a Fall) during the Closing Ceremony of the 76th annual Cannes Film Festival, in Cannes, France, 27 May 2023. EPA/MOHAMMED BADRA

Los Angeles, 9 marzo 2024 – Ormai ci siamo quasi: domenica 10 marzo al Dolby Theater di Los Angeles andrà in scena la cerimonia di premiazione degli Oscar 2024 che in Italia corrisponderà alla notte tra domenica 10 e lunedì 11 marzo. Conduttore della serata sarà per la quarta volta il presentatore e comico statunitense Jimmy Kimmel, che ha già avuto l'onore nel 2017, 2018 e lo scorso anno. Con l'ultima settimana di febbraio si sono chiuse le votazioni da parte dei membri dell'Academy of Motion Picture Arts and Sciences e senza dubbio i verdetti finali non mancheranno di sorprendere gli amanti del cinema. Sono già tanti gli argomenti di discussione, a cominciare dalla mancata nomination di Greta Gerwig nella categoria Miglior regia per ‘Barbie’, così come l'esclusione della protagonista Margot Robbie dalla cinquine delle migliori attrici. D'altro canto, se 'Oppenhemier' di Christopher Nolan è il film con il maggior numero di candidature, questo 2024 potrebbe anche essere l'anno di una rivoluzione: 'La zona di interesse' di Jonathan Glazer e soprattutto 'Anatomia di una caduta' di Justine Triet, due produzioni non made in Usa, concorrono nella categoria Miglior film, la più prestigiosa, e stanno avendo un enorme successo. Sono inoltre entrate in vigore alcune nuove regole in tema di voti ed eleggibilità dei film e chissà che gli attuali pronostici non vengano ribaltati.

Approfondisci:

Oscar 2024: dove vederli in Italia (in diretta tv) e a che ora inizia la premiazione

Oscar 2024: dove vederli in Italia (in diretta tv) e a che ora inizia la premiazione

Le nuove regole legate alla diversity

Anzitutto, qualche informazione di base. I membri dell'Academy con diritto di voto sono stati circa 10mila, un record, appartenenti a tutte le branche del settore cinematografico. Ognuno sceglie di portare avanti una nomination per la sua rispettiva categoria – un costumista vota per la categoria costumi, un compositore per la categoria delle colonne sonore e così via – ma tutti possono votare per il Miglior film. Una volta annunciate le cinquine finaliste (o la decina, nel caso della categoria più importante), tutti possono votare per tutte le categorie. Un numero così alto di votanti è figlio anche delle polemiche avute in edizioni passate che avevano sollevato il problema della scarsa diversità di rappresentazione agli Academy Awards. Sullo stesso solco, da quest'anno sono entrati in vigore i nuovi 'Representation and Inclusion Standards', che hanno avuto peso nel determinare l'ammissibilità o meno di una nomination. Secondo la direttiva, ci sono quattro macrocategorie di criteri (rappresentazione sullo schermo e narrazione, leadership e team produttivo, accessibilità all'industria, audience development) e un film doveva avere un sufficiente livello di diversità in termini di etnie e orientamento sessuale, disabilità, persone appartenenti a categorie svantaggiate ecc. in almeno due di queste macrocategorie.

Pronostici: migliore attrice / attore

Ormai la partita per decidere chi vincerà ai 96esimi Academy Awards è chiusa ma per gli appassionati è rimasto ancora un po' di tempo per provare a speculare sui pronostici. Come ogni anno, per provare a capire chi saranno i vincitori più quotati agli Oscar ci si può basare sui verdetti avuti in occasione di Golden Globes, BAFTA Awards e SAG Awards. Al momento, quello con la strada più spianata di tutti sembra essere Cillian Murphy, ovvero il J. Robert Oppenheimer del biopic firmato Christopher Nolan, che nel 2024 ha già vinto tutti gli altri premi della sua categoria e ora deve fronteggiare di nuovo Jeffrey Wright ('American Fiction'), Colman Domingo ('Rustin'), Bradley Cooper ('Maestro') e Paul Giamatti ('The Holdovers'). Nella rispettiva categoria femminile, la seppur alta quotazione di Lily Gladstone ('Killers of the Flower Moon') – sarebbe la prima nativa-americana a vincere come Miglior attrice – potrebbe essere offuscata dalla straordinaria prova di Emma Stone in 'Povere Creature!', sebbene lei abbia già portato a casa una volta la statuetta nel 2017 con 'La La Land'. Da non sottovalutare le altre sfidanti Annette Bening ('Nyad'), Carey Mulligan ('Maestro') e soprattutto Sandra Hüller ('Anatomia di una caduta').

Attore e attrice non protagonista

La bravissima e simpaticissima Da’Vine Joy Randolph con il suo ruolo di spalla in 'The Holdovers' si è già portata a casa il Golden Globe, il BAFTA, il Critic's Choice Awards e il SAG Award, dunque sembra difficile pensare che non possa coronare questa stagione di premi perfetta con il rispettivo Oscar. La spina nel fianco per lei potrebbe essere America Ferrera, l'umana Gloria nel film 'Barbie', che porta alto l'onore del film della Gerwig dopo l'esclusione di Margot Robbie nella cinquina delle protagoniste. Emily Blunt ('Oppenheimer'), Danielle Brooks ('The Color Purple') e Jodie Foster ('Nyad') completano il pool di candidate come non protagoniste. Lanciatissimo verso la statuetta anche Robert Downey Jr. ('Oppenheimer') nella corrispondente categoria maschile, nonostante Mark Ruffalo e il suo Duncan Wedderburn in 'Povere Creature!' abbiano silenziosamente recuperato molto terreno. Gli altri attori a giocarsela sono Sterling K. Brown ('American Fiction'), Ryan Gosling ('Barbie') e Robert De Niro ('Killers of the Flower Moon').

La sfida finale: Miglior regista e Miglior film

C'è poco da fare, Christopher Nolan sembra avere l'Oscar 2024 alla regia già in tasca. Eppure il regista britannico neanche questa volta ha una gara facile. Martin Scorsese, Yorgos Lanthimos e Jonathan Glazer sono tre artisti con una precisa e originale visione cinematografica che ha facilmente istillato il dubbio nelle menti dei membri dell'Academy, per non parlare dell'unica candidata, Justine Triet: il suo 'Anatomia di una caduta', già vincitore della Palma d'oro al 76º Festival di Cannes, è un gioiello di cui non si può tenere conto. Questo film, si vocifera, potrebbe giocare un brutto scherzo a 'Oppenheimer' che tutt'ora risulta in pole position per vincere i 96esimi Academy Awards nella categoria più importante. Il resto della decina non è da meno: 'American Fiction', 'Barbie', 'The Holdovers', 'Killers of the Flower Moon', 'Maestro', 'Povere Creature!', 'Past Lives' e 'La zona di interesse'.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro