Milano Moda Donna. Conto alla rovescia per un calendario fittissimo in passerella

"America e Cina continuano a essere i mercati più importanti a tutte le latitudini e c’è da segnalare il ritorno...

Milano Moda Donna. Conto alla rovescia per un calendario fittissimo in passerella

Milano Moda Donna. Conto alla rovescia per un calendario fittissimo in passerella

"America e Cina continuano a essere i mercati più importanti a tutte le latitudini e c’è da segnalare il ritorno di Giappone e Corea". Carlo Capasa, presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana – presentando la Milano Fashion Week per le collezioni femminili dell’inverno 2024-2025 dal 21 al 26 febbraio prossimo – traccia le linee dell’export del settore che rappresenta il 90% delle nostre risorse ed "è l’ambasciatore massimo con la moda che è la seconda voce del nostro Pil".

In calendario quasi 200 appuntamenti tra sfilate fisiche (56 di cui 2 doppie), digitali (5), presentazioni (67 più 7 su appuntamento, eventi (26) tra cultura, mostre e mondanità. Sono previste circa 100mila persone da tutto il mondo con un indotto sulla città di 70 milioni di euro. "Siamo in ottima saluta – che ha presentato il salone Alessia Cappello, assessora al Lavoro e Sviluppo Economico del Comune di Milano – e c’è grande attenzione, basti pensare che sei mesi fa si sono registrati 80 milioni di accessi in streeming per le nostre sfilate".

Nei primi 11 mesi del 2023 la crescita di fatturato è stata del 4,1% rispetto al 2022. Guerre e crisi hanno influito sugli ultimi due mesi e gettato incertezza sul 2024, ma Capasa è ottimista e parla di "una crescita della moda italiana del +20% nei prossimi sei mesi". Sul calendario troppo fitto di sfilate il afferma: "È alle viste un accordo internazionale con le altre capitali dello stile per ottenere un giorno in più, che dovrebbe essere il martedì gi a parteide dalle prossime sfilate donna di settembre".

Intanto quest’anno esordio di Feben supportato da Dolce e Gabbana e Sagaboi; tornano a Milano Marni e Elisabetta Franchi; debutto di Walter Chiapponi come direttore Cosy Sundaym Jarelzhang, Khrisjoy, Maison Jejia, Raisa Vanessa. E collaborazioni come quelle tra Marina Rinaldi e Zuhair Murad, Max & Co con Richard Quinn, Weekend Max Mara by Lucy Hale. Poi via il ’circo’ della moda punta dal 27 sul calendario lungo e troppo diluito delle sfilate di Parigi.

Nei prossimi giorni Milano sarà invasa dalle immagini della nuova campagna di CNMI per i defilè, scattata all’Aeroporto di Malpensa dal fotografo Antonio Dicorato con lo styling di Francesca Cefis Casoli e i vestiti di Alabama Muse, AndreAdamo, Des Phemmes, Francesco Murano, INAN Studio, Maison Nencioni, Marco Rambaldi e Ssheena.

Eva Desiderio

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro