Martedì 23 Aprile 2024

Usa 2024, sarà ancora Biden contro Trump: confermate le nomination per i due “vecchi” presidenti

Dopo il mini Super Tuesday entrambi hanno raggiunto i numeri necessari per correre per la Casa Bianca a novembre

Roma, 13 marzo 2024 – Sarà ancora una sfida tra Joe Biden e Donald Trump come nel 2020. Entrambi i “vecchi” presidenti hanno conquistato il quorum per la nomination alle prossime elezioni degli Stati Uniti che si svolgeranno a novembre. Con il mini Super Tuesday concluso ieri, il presidente in carica e il tycoon si sono assicurati i delegati che consentono loro di correre ancora per la Casa Bianca. Entrambi sono “presumptive nominee”, candidati in pectore, in attesa della consacrazione ufficiale alle convention estive dei loro partiti.

Usa 2024, sarà ancora una sfida tra Donald Trump e Joe Biden
Usa 2024, sarà ancora una sfida tra Donald Trump e Joe Biden

Il mini Super Tuesday

Quattro anni dopo, Biden e Trump, i due presidenti più anziani della storia degli Stati Uniti, rispettivamente di 81 e 77 anni, si ritrovano di nuovo faccia a faccia. Sono le proiezioni dei media del mini Super Tuesday a sancire ciò che era già previsto da tempo, al termine di quattro elezioni. Biden ha superato la soglia dei 1.968 delegati necessari per vincere in Georgia, uno stato oscillante degli Stati Uniti in cui Trump è sotto processo per una presunta cospirazione. Secondo i calcoli fatti da Associated Press, che ha assegnato la vittoria delle primarie democratiche in Georgia a Joe Biden, il presidente degli Stati Uniti è arrivato adesso a quota 1.972 delegati. La vittoria di Trump a Washington lo ha aiutato a assicurarsi i 1.215 delegati necessari per guadagnarsi la nomination repubblicana e a spingere lui e il suo movimento Make America Great Again nella corsa presidenziale. I delegati parteciperanno alle convenzioni nazionali dove selezioneranno formalmente il candidato presidenziale del loro partito.

Biden: “La minaccia di Trump è più grande che mai”

"Sono onorato - ha detto Biden - che l'ampia coalizione di elettori che rappresentano la ricca diversità del Partito Democratico in tutto il Paese abbiano riposto ancora una volta la loro fiducia in me per guidare il nostro partito e il nostro Paese in un momento in cui la minaccia rappresentata da Trump è più grande che mai”.

Trump: “Ci riprenderemo il nostro Paese”

Georgia, Mississippi, Washington e Hawaii offrivano un totale di 161 delegati per la parte repubblicana, e Trump senza opposizione aveva bisogno di 137 di questi per mettere la corsa matematicamente al sicuro. "Ora - ha scritto sulla sua piattaforma di social media Truth - siamo sotto il Crooked Joe Biden, una nazione del terzo mondo, che usa il sistema dell'ingiustizia per perseguire il suo avversario politico, Me! Ma non temete, non falliremo, ci riprenderemo il nostro Paese, un tempo grande".

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui