Donald  Trump (Ansa)
Donald Trump (Ansa)

Roma, 22 settembre 2020 -  "Le Nazioni Unite devono considerare la Cina responsabile per le sue azioni". L'ha detto Donald Trump, nel videomessaggio all'Assemblea Generale dell'Onu nel passaggio dedicato all'emergenza Coronavirus, durante il quale ha più volte puntato il dito contro Pechino "per il virus cinese". "Nei primi giorni del virus, la Cina bloccò i voli interni, mentre permetteva ai voli di lasciare la Cina ed infettare il mondo - ha detto il presidente americano -. Il governo cinese e l'Organizzazione mondiale per la Sanità, che è virtualmente controllata dalla Cina, dichiararono in modo falso che non vi erano prove delle trasmissione da uomo ad uomo. In seguito - ha concluso - hanno detto, sempre in modo falso, che le persone senza sintomi non avrebbero diffuso la malattia". E, a conclusione di un discorso durato meno di 15 minuti, in corsa verso le elezioni presidenziali Trump ha ritirato fuori il suo asso nella manica, il vaccino anti-Covid, che, ha assicurato, "gli Stati Uniti distribuiranno" e così "sconfiggeranno il virus, metteranno fine alla pandemia ed entreranno in una nuova era di prosperità, cooperazione e pace senza precedenti". 

 Johnson: "Il momento di agire". Gb, nuove restrizioni: salta riapertura stadi

Xi: "Accuse infondate"

"Accuse infondate". E' con queste parole che la Cina ha replicato a Donald Trump, dopo il discorso all'Assemblea generale delle Nazioni Unite. I Paesi, ha detto il presidente cinese Xi Jinping sollecitando "solidarietà", devono considerare come priorità le persone e la vita umana nella risposta al Covid-19. "Va respinto - ha incalzato Xi - qualsiasi tentativo di politicizzare la pandemia di Covid-19".

Coronavirus Italia, il bollettino del 22 settembre

Macron: "Rivalità tra Usa e Cina non domini il mondo"

I leader mondiali non devono lasciarsi dominare da una lotta per il potere geopolitico tra Stati Uniti e Cina. Lo ha dichiarato il presidente francese, Emmanuel Macron, nel suo intervento all'Assemblea generale dell'Onu, in cui ha chiesto un "moderno nuovo consenso" per affrontare le sfide globali. "Il mondo di oggi non può essere ridotto alla rivalità tra Cina e Stati Uniti, indipendentemente dal peso globale di queste grandi potenze", ha detto Macron nel suo messaggio video.