Giovedì 18 Aprile 2024

“La Cina pronta a invadere Taiwan nel 2027. Con Russia, Corea del Nord e Iran nascente asse del male”

L’ammiraglio americano della US Navy John Aquilino ha sottolineato che la superpotenza asiatica ha simulato negli ultimi anni operazioni che potrebbero condurre nell’Isola

Il presidente cinese Xi Jinping (Ansa)

Il presidente cinese Xi Jinping (Ansa)

Roma, 21 marzo 2024 – “La Cina sta costruendo un arsenale militare e nucleare a una velocità non vista dalla Seconda Guerra Mondiale e tutti i segnali indicano che è in corsa per centrare il suo obiettivo di essere pronta per invadere Taiwan per il 2027”. Lo ha detto il numero uno del US Indo-Pacific Command, l'ammiraglio americano della US Navy John Aquilino, secondo quanto riportano i media americani. Aquilino ha sottolineato che la potenza asiatica “ha simulato negli ultimi anni operazioni che potrebbe condurre contro Taiwan" portando alla tanto ambita (da Pechino) riunificazione alla madrepatria.

I militari della Repubblica popolare, ha aggiunto Aquilino in un'audizione alla Camera Usa, sono "più aggressivi e incoraggiati” dalle tensioni in Ucraina e in Medio Oriente, puntando l'attenzione su

Taiwan. Certo, “la Cina vorrebbe assimilarla senza guerra”, seguendo gli insegnamenti vecchi di oltre duemila anni del suo più grande generale, Sun Tsu. “Ciò è evidente dalla campagna coercitiva sempre più aggressiva, che schiera più navi nelle vicinanze, attraversando la linea centrale con le loro risorse aeree. Sono le misure necessarie per far capitolare i taiwanesi”.

Aquilino ha messo in guardia che l'evoluzione delle relazioni tra Pechino e Mosca è una "grande parte" di ciò che sta rendendo l'ambiente attuale "il più pericoloso che abbia mai visto negli ultimi 40 anni”. Il rapporto tra Cina, Russia, Corea del Nord e Iran – ha detto - si sta profilando come un nascente 'asse del male' e "dovremmo agire di conseguenza". La cooperazione "tra queste due nazioni autoritarie ci pone in un ambiente di sicurezza diverso", ha rincarato l'ammiraglio. "Questo dovrebbe preoccupare l'intero globo", ha aggiunto.

Approfondisci:

La Cina avverte gli Usa: “Fermate qualsiasi interazione con Taiwan”. Sale la tensione

La Cina avverte gli Usa: “Fermate qualsiasi interazione con Taiwan”. Sale la tensione

Intanto, il ministro della Difesa di Taiwan ha denunciato che nelle ultime 24 ore è stata rilevata una massiccia presenza militare cinese tra cui: 32 aerei militari e 5 navi da guerra attorno all’isola e successivamente altri “20 velivoli” impegnati in un inedito volo notturno “di pattugliamento e combattimento congiunto”.

Si tratta della seconda più grande presenza militare cinese segnalata quest’anno. Venti aerei, poi, avrebbero “superato la linea mediana dello Stretto di Taiwan”, si legge in una nota diffusa da Taipei.

Le Forze armate di Taiwan hanno ''monitorato la situazione e messo in campo un aereo di pattugliamento, navi della Marina e un sistema missilistico sulla costa in risposta a queste attività''. Tra fine gennaio e l'inizio di febbraio era stata segnalata la presenza di 33 aerei militari cinesi attorno a Taiwan, il numero più alto registrato quest'anno.

Approfondisci:

L’Ue studia la Difesa comune, “la Russia pianifica la guerra contro la Nato”. E si ipotizza un piano per “preparare i civili”

L’Ue studia la Difesa comune, “la Russia pianifica la guerra contro la Nato”. E si ipotizza un piano per “preparare i civili”

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui