Un caccia francese Rafale (Ansa)
Un caccia francese Rafale (Ansa)

Parigi, 14 aprile 2018  - La presenza francese nell'attacco alle basi siriane di questa notte è stata importante. Parigi ha messo in campo nove caccia, cinque fregate di prima classe e ha anche testato, per la prima volta in azione di guerra reali, i missili da crociera navale MdCN, progettati per effettuare missioni che richiedono la distruzione di obiettivi strategici di alto valore. Francia, Usa e Gb hanno colpito "i siti di produzione e stoccaggio delle armi chimiche" del regime siriano, con una forza distruttiva inaspettata.

MISSILI DA CROCIERA NAVALE - La novità nell'arsenale francese erano i missili da crociera navale MdCN, dei 12 lanciati dai transalpini, tre erano di questo nuovo tipo, capaci di una gittata da mille chilometri e una precisione dell'ordine del metro. Con questa nuova arma Parigi entra nel ristretto gruppo di Paesi, insieme a Stati Uniti e GB, che dispongono di missili da crociera imbarcati su navi da guerra.

image

FREGATE NEL MEDITERRANEO - In appoggio alla missione la Francia ha schierato nel mar Mediterraneo tre fregate Fremm, una fregata anti-sottomarini, una fregata antiaerea e una nave cisterna. 

Una fregata francese fregate Fremm (Ansa)

RAFALE, MIRAGE 2000-5 E GLI AWACS - Per il blitz dal cielo i francesi hanno mobilitato cinque super moderni caccia Rafale, 4 Mirage 2000-5 e due aerei di ricognizione Awacs. La missione aerea era iniziata venerdì da basi francesi, i caccia erano accompagnati da 5 aerei di approvvigionamento. Secondo le formazioni fornite i Rafale hanno sparato 9 missili Scalp, della gittata di 250km, circa mezz'ora dopo la fregata. 

Un caccia Rafale (Ansa)

PARIGI AVEVA NEL MIRINO HOMS - Il blitz francese si è concentrato su due siti nei pressi di Homs, l'uno impiegato per lo stoccaggio, l'altro per la produzione di armi chimiche, secondo quanto sostenuto dal ministero della Difesa a Parigi. La Francia però non ha partecipato all'azione alla periferia di Damasco.

Il lancio di missili da una nave (Ansa)