Migranti arrivati in Spagna (Ansa)
Migranti arrivati in Spagna (Ansa)

Roma, 19 luglio 2019 - Decapitato perché aveva bevuto il succo di frutta dello scafista. E' questa l'orribile morte a cui è andato incontro un giovane a bordo di un gommone, durante la traversata tra Marocco e Spagna. A pubblicare la raccapricciante storia, riportata dai volontari della Croce Rossa che assistevano i migranti coinvolti, è il quotidiano spagnolo El Mundo.

Il pomeriggio del 5 luglio il gommone era partito dalla spiaggia di Kariat Arkmane, vicino alla città di Nador, a nord del Marocco. A bordo erano in 17, il proprietario della barca, il guineano Oumar Diallo, che si era fatto pagare 2.500 euro a testa. Sapeva che l'attraversamento di oltre 200 chilometri nel Mare di Alboran sarebbe stato duro sotto al sole, e aveva con sé il suo pacco di sopravvivenza. Anche i migranti che trasportava si erano portati un piccolo sacchetto con del cibo e una confezione di succo di frutta. 

Ma, come aveva previsto Diallo, il sole bruciava, la stanchezza, sia fisica che psicologica, aumentava la sete. Così quando uno dei giovani, che tentava la sorte nella traversata, ha bevuto il succo del guineano, si è scatenata la sua furia omicida. Lo scafista ha estratto un lungo pugnale e ha decapitato il ragazzo sotto gli occhi scioccati e terrorizzati degli altri migranti. Nessuno ha fiatato e Diallo, come avvertimento per tutti, ha gettato la testa in mare lasciando il corpo sul gommone per altri 45 minuti. 

"Gli ha tagliato la testa, è impazzito", urlava uno dei giovani appena sceso dal gommone sulla costa andalusa agli uomini della Croce Rossa. La polizia iberica, dopo aver raccolto le testimonianze, ha accompagnato i migranti al Centro rifugiati di Malaga, e ha trattenuto lo scafista.

Gli investigatori spagnoli stanno cercando di verificare i fatti, e al momento non si conosce l'identità della vittima. Di sicuro c'è quanto riportano i volontari del centro che assistono in migranti: "Una settimana dopo i fatti molti ancora non riescono a dormire, in tanti hanno ancora bisogno di assistenza psicologica".

Intanto il quotidiano El Mundo ha rivelato che lo scafista era noto: l'Organizzazione marocchina per i diritti umani lo aveva denunciato diverse volte per la tratta degli essere umani.