Re Carlo e la royal family alla messa di Natale in Scozia. E dopo 30 anni torna anche Sarah Ferguson

I reali britannici si sono ritrovati, come da tradizione, a Sandringham. E questa volta c’era anche la duchessa di York

Londra, 25 dicembre 2023 – Messa di Natale a Sandringham, in Scozia, per la famiglia reale britannica. Una tradizione che si rinnova anche dopo la morte della regina Elisabetta, ma stavolta con una novità: la presenza di Sarah Ferguson. Per la prima volta dopo 30 anni la duchessa di York, ex moglie dei Andrea, si è unita ai Windsor nella passeggiata pubblica fino alla chiesa.

Re Carlo e la regina Camilla guidano il corteo della famiglia reale verso la chiesa a Sandringham (Ansa)
Re Carlo e la regina Camilla guidano il corteo della famiglia reale verso la chiesa a Sandringham (Ansa)

A guidare il piccolo 'corteo' reale c'era il sovrano Carlo III con la regina Camilla. Con loro il principe William con la moglie Kate e i figli, i duchi di Edimburgo, lo stesso principe Andrea insieme alla figlia Beatrice con il marito Edoardo Mapelli Mozzi.

Approfondisci:

La ‘cartolina di Natale’ dei principini George, Charlotte e Louis

La ‘cartolina di Natale’ dei principini George, Charlotte e Louis

Il discorso ambientalista di re Carlo

Ma oggi è stato anche il giorno del discorso di Natale del re e Carlo, noto ambientalista, ha sottolineato l'importanza di avere cura del Pianeta "per il bene dei figli dei nostri figli". Il monarca ha riferito di trovare "grande ispirazione" nella "crescente consapevolezza di come dobbiamo proteggere la Terra e la natura".

Non è mancato un riferimento ai conflitti in corso nel mondo, non solo la guerra a Gaza e in Ucraina. "In un momento di conflitti sempre più tragici nel mondo, prego affinché possiamo anche fare tutto quanto in nostro potere per proteggerci", ha detto nel suo messaggio in cui ha elogiato "l'esercito generoso" di volontari al servizio delle comunità nel Paese. Re Carlo, che a novembre ha lanciato il suo Coronation Food Project, ha invitato a "sostenere chi è meno fortunato di noi".