Martedì 16 Aprile 2024

Chi è Jason Palmer, l’amico di Bill Gates che ha sconfitto Biden nelle isole Samoa

Il profilo del “candidato invisibile” che ha sorpreso l’attuale presidente degli Stati Uniti nelle Isole Samoa americane

Roma, 6 marzo 2024 – Si tratta di una manciata di voti (e di delegati) ma la prima nota amara delle “primarie” (per la precisione in questo caso i caucus) del partito Democratico per Joe Biden arriva dalle Isole Samoa.

Nelle isole Samoa americane il presidente è stato battuto da Jason Palmer, il candidato "invisibile" delle ‘primarie’ democratiche che ha ottenuto il 56% (51 voti su 91).  A Biden sono andati 40 voti, che corrispondono al 44%. In gioco c'erano sei delegati

Jason Palmer, il cnadidato alle primarie democratiche che ha sconfitto Biden alle Samoa
Jason Palmer, il cnadidato alle primarie democratiche che ha sconfitto Biden alle Samoa

Chi è Jason Palmer

Palmer, 52 anni, è un imprenditore “amico di Bill Gates” che ha lavorato alla Microsoft di Bill Gates e alla Bill & Melinda Gates Foundation.

Palmer, nato il primo dicembre del 1971, ad Aberdeen, nel Maryland. Si è laureato all'Università della Virginia – si legge sull’enciclopedia online Wikipedia –  nel 1994 e ha conseguito un MBA (master in economia) alla Harvard Business School nel 1999.

All'inizio della sua carriera Palmer ha fondato tre società di tecnologia e servizi. Ha poi ricoperto posizioni dirigenziali presso Microsoft Education e SchoolNet, in seguito ha fondato è stato vicedirettore per l'istruzione post-secondaria presso la Bill & Melinda Gates Foundation.

La carriera politica

Palmer ha iniziato la sua militanza politica operativa lavorando per Daniel Patrick Moynihan, senatore democratico di New York, negli anni '90.

Il 18 gennaio 2024 – si legge, nella pagina in inglese a lui dedicata, sull’enciclopedia online Wikipedia –, Palmer si è definito “il più giovane candidato presidenziale democratico e uno dei candidati più giovani di entrambi i partiti, invitando Biden e tutti i legislatori anziani a ‘passare il testimone’ a generazioni più giovani”.

Palmer ha anche promosso le sue capacità gestionali dalla sua carriera imprenditoriale, affermando che – si legge sempre sull’enciclopedia online – se eletto, se non avesse una conoscenza considerevole in un campo, assumerebbe un esperto esterno. Ha inoltre dichiarato che avrebbe incentrato il suo mandato sulla promozione del progresso tecnologico.

Prima della vittoria, Palmer ha condotto una campagna nelle Samoa americane, pubblicando su Twitter che "Washington DC aspetta da tempo per un presidente che sarà un sostenitore delle Samoa americane". 

Cosa sono i Caucus

Nella scelta del candidato alle elezioni presidenziali, ogni partito svolge le cosiddette primarie. In America, in alcuni Stati, invece di andare a una vera e propria elezione fra i cittadini (con regole differenti da Stato a Stato) si svolgono dei caucus. Generalmente si tratta di assemblee dove gli iscritti al partito si ritrovano e dibattono per sostenere il proprio candidato. Alla fine del dibattito (che di solito si svolge in luoghi pubblici), gli elettori votano.