Giovedì 20 Giugno 2024

Il palazzo segreto di Putin a Gelendzhik attaccato da droni ucraini

La notizia sta rimbalzando sui social ucraini: la villa dello zar nel mirino di Kiev. Il 17 maggio c’era stato un altro raid con UAV militari. Sui danni provocati filtrano poche notizie

Roma, 28 maggio 2024 - Il famoso palazzo segreto di Vladimir Putin è nel mirino di Kiev. Già due i tentativi ucraini di colpire il complesso residenziale realizzato sulla costa del Mar Nero vicino a Gelendzhik, nella regione russa di Krasnodar. Il presidente ha sempre negato che il complesso gli appartenesse o che vi fosse mai stato, il Cremlino in una nota affermava che la struttura era di un'impresa privata di proprietà di vari uomini d'affari i cui nomi non potevano essere rivelati dallo Stato. Mentre il dissidente Alexei Navalny accusava senza mezzi termini: quella villa è dello zar. Poi si fece avanti Arkadij Rotenberg, amico di Putin, rivendicando la proprietà del palazzo per mettere a tacere le voci, ma con poco successo. A tutt'oggi è opinione di tutti, dentro e fuori la Russia, che quel gioiello in stile italianeggiante, dal costo oltre i 100 miliardi di rubli (956 milioni di dollari) ai prezzi del 2022, nello splendido scenario di Capo Idokopas, un promontorio sulla costa russa del Mar Nero vicino al villaggio di Praskoveevka, sia in realtà proprio dello zar.

Fsb: “La Nato si esercita ad attacchi nucleari in territorio russo. Servono contro misure adeguate”

Il palazzo segreto di Putin sul Capo Idokopas
Il palazzo segreto di Putin sul Capo Idokopas

Ieri notte l'aviazione ucraina ha lanciato un attacco con droni proprio nella zona della residenza principesca di Putin, non si sa se per tentare di colpire lui, irraggiungibile a Mosca, o semplicemente per provocare danni alle sue proprietà e fargli sentire meglio l'aria di guerra che si respira in Ucraina, forse poco si percepita tra le mura del Cremlino. Sta di fatto che i droni ucraini sono arrivati nella notte sorprendendo le difese russe, come ha confermato Veniamin Kondratyev, governatore della regione russa di Krasnodar, affermando che i detriti dei UAV "hanno danneggiato un edificio incompiuto" nel villaggio di Krinitsa, dove si trovano i vigneti e un'azienda vinicola che secondo esperti ucraini apparterrebbe al dittatore russo. Mentre un altro drone ha colpito la fattoria di Dzhankhot, situata molto vicino al palazzo di Putin e probabilmente parte del comprensorio. Non era la prima volta che Kiev metteva nel mirino la villa di Putin: già il 17 maggio droni nemici si erano schiantati in zona, forse intercettati, ma si sa sempre troppo poco sul misterioso palazzo “non di Putin”.