Lunedì 17 Giugno 2024

Noa Argamani riabbraccia il padre dopo la liberazione: il video

La 25enne è stata salvata insieme ad altri tre ostaggi durante una complessa operazione dell’esercito israeliano nella Striscia. Fecero il giro del mondo le immagini della ragazza che veniva portata via su una moto durante il massacro del 7 ottobre

Roma, 8 giugno 2024 - La 25enne Noa Argamani, uno dei quattro ostaggi tratti in salvo dall'esercito israeliano in una complessa operazione nella Striscia di Gaza, ha riabbracciato il padre mentre raggiungeva l'ospedale di Tel Hashomer. L'abbraccio è stato pubblicato in un video sui social media. Argamani è stata salvata insieme ad altri tre ostaggi da Nuseirat, nel centro di Gaza, nel corso di un'audace operazione congiunta condotta dalle Idf (Forze di Difesa israeliane), dallo Shin Bet e dalla polizia. 

Un fermo immagine mostra Noa Argamani che riabbraccia il padre
Un fermo immagine mostra Noa Argamani che riabbraccia il padre

vdf

Approfondisci:

Guerra in Medio Oriente, Idf libera 4 ostaggi. Tra di loro anche Noa Argamani, uno dei simboli del 7 ottobre

Guerra in Medio Oriente, Idf libera 4 ostaggi. Tra di loro anche Noa Argamani, uno dei simboli del 7 ottobre

La 25enne era apparsa in un video del 7 ottobre mentre i terroristi di Hamas la portavano via in moto tra le sue urla: “Non uccidetemi”. Quelle immagini divennero il

simbolo dell'attacco della fazione islamica. Più recentemente si era vista in un altro video della propaganda di Hamas. Sua madre Liora, gravemente ammalata di cancro, aveva lanciato un disperato appello per poterla riabbracciare.

Approfondisci:

Noa Argamani, chi è l’ostaggio simbolo del 7 ottobre

Noa Argamani, chi è l’ostaggio simbolo del 7 ottobre

L'esercito israeliano ha liberato 4 ostaggi. Oltre a Noa, ci sono Almog Meir Jan, 21 anni, che aveva finito il servizio militare tre mesi prima della sua cattura. Anche lui era stato prelevato dalla festa. Andrey Kozlov, 27 anni, lavorava come guardia di sicurezza al rave quando è stato catturato. E' un nuovo immigrato in Israele, dove era arrivato da circa un anno e mezzo fa. Shlomi Ziv, 40 anni, come Kozlov lavorava alla sicurezza della festa nel deserto. Era andato alla Supernova con, Aviv Eliyahu, un parente di sua moglie, e Jake Marlowe, un amico, entrambi uccisi nel raid di Hamas.