“Lukashenko è malato”. Il leader bielorusso si rivede in pubblico con una fasciatura

Il presidente della Bielorussia ha visitato il Comando dell’aviazione militare, cercando di smentire le voci sul suo stato di salute precario

Roma, 15 maggio 2023 - La malattia di Alexandr Lukashenko resta un mistero. Il presidente bielorusso è riapparso oggi in pubblico con una vistosa fasciatura al braccio che spuntava dalla giacca, durante una visita al Comando dell'aviazione militare (La Difesa bielorussa è in allerta per l’abbattimento al confine di 4 velivoli russi da parte di Kiev). L'ultima uscita del leader risaliva al 9 maggio, e avendo mancato ieri a Minsk anche le commemorazioni del Giorno della Bandiera, in cui si rende omaggio ai simboli nazionali, le voci sulla sua malattia si erano moltiplicate. Quindi il leader 68enne starebbe cercando così di mettere a tacere le voci sul suo stato di salute precario, che si stanno rincorrendo da giorni sui media occidentali e sul web. Che il capo di Stato bielorusso sia malato è convinzione degli 007 di Kiev e dell'opposizione in esilio. Alcune fonti hanno parlato di avvelenamento, altre di un virus, o di un ricovero al Republican Clinical Medical Center, dove sarebbe seguito anche da specialisti di chirurgia cardiovascolare arrivati da Mosca.

Media della Bielorussia pubblicano foto di Lukashenko
Media della Bielorussia pubblicano foto di Lukashenko

Cosa sappiamo sulla salute di Lukashenko

Il leader bielorusso è assente da cerimonie ufficiali da martedì 9 maggio, quando ha partecipato a Mosca alle commemorazioni della sconfitta della Germania nazista nel 1945. Già in quella occasione vari giornalisti avevano notato che Lukashenko appariva stanco, provato fisicamente. Inoltre il 68enne non aveva partecipato come altri leader dell'Armenia e dei Paesi dell'Asia centrale, al pranzo offerto dal presidente russo Vladimir Putin, ed era stato accompagnato in aeroporto in ambulanza. Da allora è scomparso fino ad oggi.

Cosa dice Kiev

I servizi di intelligence ucraini hanno confermato la malattia del presidente bielorusso attraverso le parole di Andriy Yusov, rappresentante della Direzione principale dell'intelligence del Ministero della Difesa, riprese da Unian: "Sì, ci sono informazioni sui problemi di salute del dittatore, ma non entreremo nei dettagli. Dopotutto, la salute di Putin è molto più interessante per gli ucraini e per il mondo intero della salute di Lukashenko".

L'opposizione

L'ufficio di presidenza di Minsk non ha mai commentato le voci di una malattia di Lukashenko, ma l'opposizione sì, soprattutto da leader in esilio come Pavel Latushko, ex ministro della Cultua, che ha affermato: Lukashenko "è gravemente malato". Mentre la leader dell'opposizione bielorussa in esilio, Svetlana Tikhanovskaya, su Twitter ha scritto: "Ci sono molte voci sulla salute del dittatore Lukashenko. Per noi significa solo una cosa: dobbiamo essere ben preparati a ogni scenario. Per trasformare la Bielorussia sulla via della democrazia e impedire alla Russia di interferire. Abbiamo bisogno che la comunità internazionale sia proattiva e veloce".

Mosca

Dmitry Peskov, portavoce del Cremlino, commentando le voci sulla salute del leader bielorusso, ha dichiarato: "Non ci sono notizie ufficiali da Minsk circa la salute di Lukashenko'' e ''noi ci atteniamo a quelle''. Lo stesso Petrov, dopo la partenza affrettata da Mosca di Lukashenko il 9 maggio senza partecipare al pranzo di Putin, aveva dichiarato: "Sarebbe inappropriato per me parlare della salute di Alexander Grigoryevich", ed aveva aggiunto: "Ieri è stato con noi, ha condiviso la gioia della Giornata della vittoria con noi e siamo estremamente grati alla leadership bielorussa e personalmente a Lukashenko per cogliere questa opportunità".

Imboscata a velivoli russi, Minsk in allerta

La visita del presidente bielorusso al Comando di difesa aerea ha confermato, involontariamente, l'abbattimento di quattro velivoli militari di Mosca sulla Russia la scorsa settimana nei pressi delle frontiere con l'Ucraina e la Bielorussia. Una situazione che ha spinto Minsk a mettere le sue forze armate in massima allerta. L'abbatimento dei 4 velivoli non era ufficiale, era trapelata da fonti citate da alcuni media russi come Kommersant, che aveve rioferito che una squadra di velivoli russa composta da un cacciabombardiere Su-34, un caccia Su-35 e due elicotteri Mi-8 sbaro era stata abbattuta in un'imboscata vicino a Klintsy, nella regione russa di Bryansk. Il giornale aveva spiegato che la pattuglia aerea avrebbero dovuto attaccare obiettivi nella regione di Chernihiv in Ucraina, direttamente oltre il confine, ma non ce l'hanno fatta. Anche la Tassa aveva scritto di un Su-34 russo che si era schiantato sabato, ma senza specificare la causa, e non menzionava né il Su-35 o un secondo elicottero.