Washington, 26 gennaio 2020 - La star della Nba Kobe Bryant, 41 anni, è morto in un incidente in elicottero in California, nella contea di Los Angeles. A riportare la notizia il sito Tmz, mentre circa un'ora dopo arriva la conferma ufficiale delle autorità cittadine. Bryant era a bordo del suo elicottero privato. Tutti i 9 passeggeri hanno perso la vita, compresa la figlia 13enne Gianna Maria. L'elicottero stava dirigendosi alla Mamba Academy, l'accademia di basket fondata dal campione, per una mattinata di allenamenti. A bordo ci sarebbe stato anche un altro giocatore. Lo riferisce il network Espn, senza rendere note le generalità della vittima. Non è chiaro se il giocatore (o la giocatrice) sia una compagna di squadra di Gianna.

Il velivolo ha preso fuoco una volta precipitato e inutili sono stati i soccorsi. La moglie Vanessa non era a bordo del velivelo e non sarebbe quindi tra le vittime. La stella dei Lakers lascia anche altre 3 figlie: Natalia, Bianca e Capri Bryant (nata qualche mese fa). E' considerato uno dei più grandi giocatori della storia Nba. 

Kobe Bryant, la notizia della morte sul sito di Tmz

Kobe Bryant, stella Nba

Una stella assoluta del Nba, Kobe Bryant. Leggenda dei Los Angeles Lakers, ritiratosi nel 2016 (ultima partita il 13 aprile) dopo 20 anni nel basket professionistico americano. Quarto miglior marcatore in assoluto nella storia della Lega con 33.643 punti, superato proprio la notte scorsa da Lebron James, ora terzo e ancora in attività, e dietro a Karl Malone e Kareem Abdul-Jabbar. Nato a Filadelfia il 23 agosto 1978, ha vissuto in Italia dai 6 ai 13 anni. Suo padre, Joe Bryant, ha giocato come ala grande a Rieti, Reggio Calabria, Pistoia e Reggio Emilia.

La carriera

A 13 anni Kobe lascia l'Italia e ritorna negli States, si iscrive alla High School e inizia a farsi conoscere nel panorama nazionale. Vince il titolo statale con la Lower Merion High School, situata in un sobborgo di Filadelfia, superando con 2883 punti il record di Wilt Chamberlain nel quadriennio liceale per la zona di Philadelphia.

Non ancora 18enne, nel 1996, si dichiara eleggibile per il Draft Nba, senza passare per il college, rifiutando offerte da università prestigiose come Kentucky e Duke. Lo scelgono i Charlotte Hornets al primo giro come numero 13 assoluto, cedendone subito dopo i diritti ai Los Angeles Lakers in cambio del ventottenne centro Vlade Divac, in uscita dai gialloviola dopo 7 stagioni. Dietro l'affare il genio di Jerry West che vede lungo sul ragazzo: convince Divac ad andare a Charlotte, superando le resistenze del centro serbo che non vuole essere scambiato per un giocatore che viene dal college. Divac arriva addirittura a minacciare il ritiro.

Debutta tra i pro americani il 13 novembre 1996 contro i Minnesota Timberwolves. "Virgola" a referto, come si dice in gerco cestistico: zero punti. Quel giorno diventa il debuttante più giovane nella storia Nba: 18 anni e 72 giorni. Record che verrà poi battuto da Jermaine O’Neal e Andrew Bynum. Il suo minutaggio aumento nel corso della stagione (chiudendo a 15,5 minuti e 7,6 punti di media), mentre nei playoffs non fa scintille, con i Lakers che escono contro i Jazz e Kobe che sbaglia i possessi decisivi, attirando qualche critica dai compagni. Non da Shaquille O'Neal che lo difdende: "E' stato l'unico ad avere il coraggio di prendere quei tiri".  Gli attacchi subiti rafforzano Bryant che nelle stagione successiva migliora sia le cifre, sia l'impatto sul parquet. Disputa il suo primo All-Star Game a New York (più giovane titolare nella rassegna) e porta Los Angeles fino alla finale di Conference. 

L'anno dopo diventa titolare, continua a prendere spazio e fama nella Nba. Rinnova il suo contratto per 6 anni, per 71 milioni di dollari. Nel 1999 lil suo allenatore, Phil Jackson, pensa di cederlo ai Detroit Pistons in cambio di Grant Hill. Lo scambio non va in porto, Kobe resta in squadra e porta i Lakers al titolo. Nel 2000-2001 si impone definitivamente nelle gerarchie di Los Angeles, si registra qualche tensione con Shaq, poi superata. E ancora un anello per i Lakers che in finale superano i Sixers dell'Mvp Iverson.  Un titolo, quello di miglior giocatore della stagione regolare, che Kobe farà suo solo nel 2007-2008. L'anno seguente, dove conquista il terzo anello Nba, viene nominato miglior giocatore dell'All-Star Game. Da mito a leggenda, la parabola di Kobe Bryant è iniziata. Nel 2003 si autoassegna il soprannome di 'Black Mamba', dopo aver visto il film 'Kill Bill: Volume 2' di Quentin Tarantino. Bryant spiega che il suo modo di giocare è simile a quello del serpente menzionato nella pellicola. Vincerà altri due titoli, coi Lakers, nel 2009 e nel 2010. Poi altre stagioni in cui Los Angeles fatica, ma lui recita un ruolo da protagonista. Fino al ritiro, nel 2016.

I numeri di Kobe Bryant

Ha partecipato a 18 All-Star Game, durante i suoi 20 anni di carriera con i Lakers. E' stata la 18esima scelta del primo turno nel Draft del 1996. Ha vinto 5 campionati NBA, 2 MVP finali NBA ed è stato l'MVP della Regular Season del 2008. Medaglia d'oro con gli Stati Uniti alle Olimpiadi di Pechino nel 2008 e Londra nel 2012. Oro anche ai campionati americani del 2007, sempre col Team Usa. 

Morto Kobe Bryant, vigili del fuoco sul luogo dell'incidente (Ansa)

Il dolore dei giocatori e il tweet di Trump

Uno dei primi giocatori a gridare il suo dolore per la tragica morte di Bryan è Marco Belinelli, giocatore Nba nei San Antonio Spurs, che ha twittato: "Mio eroe, non può essere vero..".

"Sono sconvolto, Kobe per me era un mito". Danilo Gallinari, campione di basket italiano da anni tra i giganti della Nba (in questa stagione gioca con gli Okhlahoma Thunders), contattato dall'ANSA riesce appena a comunicare il suo dolore. "Sono esterrefatto - conclude -,non me la sento di dire altro".

Uno dopo l'altro, i giocatori di tutte le squadre manifestano il proprio dolore e la propria incredulità per la tragedia avvenuta in California. Da Dwyane Wade a Joel Embiid a José Barea. Tutti i giocatori, a prescindere da maglia e nazionalità, sono uniti nel dolore.

"Non ci sono parole per esprimere il dolore che sto sentendo in questo tragico e triste momentodella perdita della mia nipote Gigi e del mio amico, fratello e partner nella vittoria di molti titoli. Ti amo e mi mancherai per sempre". Così Shaquille ÒNeal, l'altro fuoriclasse con cui Kobe Bryant fece coppia nei Lakers, e con il quale a quei tempi ci fu anche qualche dissapore, ricorda il compagno assieme al quale rifece grande la franchigia californiana. Il post di 'Shaq' è accompagnato da una sua foto mentre tiene in braccio Bryant, entrambi con la tenuta da gioco gialla dei Lakers. "Le mie condoglianze alla famiglia di Bryant e degli altri passeggeri. In questo momento sto male", scrive ancora ÒNeal. 

"Mentre provo a scrivere questo messaggio, la mia mente viaggia. Sono scioccato, ho pianto tutta la mattina per questa notizia devastante: Kobe e sua figlia Gigi sono morti in un incidente in elicottero. Mia moglie Cookie e io siamo distrutti". Magic Johnson, una delle leggende dei Los Angeles Lakers, si esprime così. "Lo amo, amo la sua famiglia e amo ciò che ha rappresentato in campo e fuori. L'amico, la leggenda, il marito, il padre, il figlio, il fratello, il vincitore di un Oscar e il più grande Laker di tutti i tempi se n'è andato. E' difficile da accettare. Kobe era un leader nel nostro sport, un mentore per giocatori e giocatrici". Kobe "ha dedicato le sue conoscenze, il suo tempo e il suo talento a tanti, a livello giovanile e di college, a giocatori Nba e a giocatrici WNba. So che tifosi in tutti il mondo sentiranno la sua mancanza, in particolare a Los Angeles - aggiunge -. Era un'icona, ma anche fatto tanto per Los Angeles. Metteva il cuore per aiutare gli homeless e si batteva per i diritti delle donne nel basket. Allenare sua figlia lo rendeva felicissimo".

"Onorato di averti conosciuto, Campione dentro e fuori dal campo. R.I.P.". Questo il cordoglio di Francesco Totti: i due erano legati da un rapporto di amicizia e nel posto si vedono insieme mentre si stringono la mano.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Onorato di averti conosciuto, Campione dentro e fuori dal campo! R.I.P.

Un post condiviso da Francesco Totti (@francescototti) in data:

Anche il presidente americano Donald Trump ha scritto su Twitter: "Una terribile notizia!". "Kobe era una leggenda sul campo e aveva appena cominciato quello che avrebbe dovuto essere un importante secondo tempo", è il tweet dell'ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama. "Perdere Gianna è anche più straziante per noi come genitori - ha continuato Barack - Michele e io mandiamo le nostre preghiere ed il nostro amore a Vanessa ed all'intera famiglia Bryant in questo giorno impensabile".