Venerdì 14 Giugno 2024

Jet contro drone, caccia Gb e tedeschi intercettano aereo russo fuori dall'Estonia

Mosca avverte: "Gli Usa smettano di fare attività militari ai nostri confini"

Roma, 15 marzo 2023 - Sale la tensione tra Stati Uniti e Russia, dopo l'incidente che ha coinvolto ieri un drone americano e un aereo russo sul Mar Nero, e la notizia di un velivolo di Mosca intercettato da due caccia della Royal Air Force britannica e dell'Aeronautica tedesca nello spazio aereo dell'Estonia. Facendo riferimento all'UAV statunitense, la Russia ha apertamente parlato di "provocazione" e ha chiesto, per tramite del suo ambasciatore a Washington Anatoly Antonov - convocato per protesta al dipartimento di Stato - che gli Usa pongano fine alle loro operazioni "ostili" vicino al confine con la Federazione russa.

"Le attività inaccettabili delle forze armate statunitensi in prossimità dei nostri confini sono motivo di preoccupazione", ha affermato il diplomatico. "Siamo ben consapevoli delle missioni per le quali vengono utilizzati tali droni di ricognizione e d'attacco". I droni statunitensi "raccolgono informazioni che vengono successivamente utilizzate dal regime di Kiev per attaccare le nostre forze armate e il nostro territorio", ha aggiunto Antonov.

Jet russo e drone Usa, il generale Nato: "Provocazione di Mosca. Ma nessuna escalation"

Guerra Ucraina, mercenari Wagner: "Siamo dentro l'impianto Azom di Bakhmut"

Il caso del drone colpito ieri nel Mar Nero "è un problema tra gli Stati Uniti e la Russia gestito a livello bilaterale. Possiamo solo aggiungere che questo non sarebbe successo se la Russia non avesse invaso l'Ucraina e se non continuasse con la sua aggressione illegale. Questo non è il primo imprevisto che riguarda le forze armate russe e il caso dipende dagli Stati coinvolti", ha dichiarato il portavoce della Commissione europea per gli affari esteri, Peter Stano.

Un jet russo si è scontrato con un drone Usa (Ansa)
Un jet russo si è scontrato con un drone Usa (Ansa)

Il drone di sorveglianza americano MQ-9 che si è schiantato nel Mar Nero non è stato recuperato e potrebbe non essere mai recuperato, ha detto alla Cnn il portavoce della Casa Bianca John Kirby. "Dove è caduto nel Mar Nero ci sono acque molto profonde. Quindi stiamo ancora valutando se ci possa essere qualche tipo di sforzo di recupero. E potrebbe non esserci", ha detto Kirby. E ha aggiunto: "Abbiamo fatto del nostro meglio per ridurre al minimo qualsiasi valore di intelligence che potrebbe derivare se qualcun altro mette le mani su quel drone". 

Ad alimentare il clima di tensione è poi sopraggiunta oggi la notizia che aerei da caccia della Royal Air Force (Raf) britannica e dell'aeronautica tedesca hanno intercettato un aereo militare russo sullo spazio aereo dell'Estonia. L'aereo russo, un quadrimotore da trasporto e rifornimento in volo Ilyushin Il-78 Midas, si trovava tra l'enclave russa di Kaliningrad e San Pietroburgo e sarebbe transitato sullo spazio aereo estone senza annunciare il suo passaggio alle autorità di controllo del traffico aereo del Paese baltico. Il velivolo è stato poi intercettato da due Typhoon, tedesco e britannico, in servizio per la Nato, appositamente decollati per scortarlo fuori dallo spazio estone. "L'intercettazione in sé è quasi routine, ma si tratta della prima volta che un'operazione simile viene portata avanti congiuntamente da Regno Unito e Germania, che hanno in programma di pattugliare insieme la regione del Baltico in ambito Nato", ha quindi segnalato la Bbc. L'incidente ha avuto luogo proprio nel giorno della visita del presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier al contingente che l'aeronautica della Germania schiera presso la base estone di Amari, nell'ambito della missione Nato dispiegata nel Paese dal 2004.