Martedì 16 Luglio 2024

Il fumo del Canada arriva in Spagna, cosa può accadere in Italia. Il fenomeno jet stream

Le spiegazioni del meteorologo dopo gli incendi devastanti che hanno bruciato oltre 7,5 milioni di ettari. C’è pericolo per la salute?

Copernicus Atmosphere Monitoring Service

Copernicus Atmosphere Monitoring Service

Roma, 27 giugno 2023 - Il fumo degli incendi in Canada è arrivato in Spagna. E lo vedremo anche in Italia “ma in concentrazioni così basse da non costituire un pericolo per la salute”,  spiega Edoardo Ferrara di 3bMeteo.

Copernicus Atmosphere Monitoring Service
Copernicus Atmosphere Monitoring Service

Jet stream, che cosa sapere

Tutti ricordiamo bene le fotografie di una New York completamente avvolta nella nebbia per effetto dei roghi devastanti che hanno mandato in fumo almeno 7.563.000 ettari in Canada. Per capire il viaggio di questa ‘nebbia’ bisogna familiarizzare con una parola anzi due, jet stream. Ecco la definizione di Ferrara: “Corrente a getto, vento forte che interessa le alte quote della troposfera, arrivando anche a 8-10.000 metri. Molto intensa, con la sua ondulazione definisce e alimenta alte e basse pressioni e regola i grandi moti atmosferici da ovest est, seguendo il senso di rotazione della Terra”. In altre parole, “come un nastro trasportatore che ha trasferito i fumi degli incendi dall’Atlantico al Mediterraneo”.

Fumo dagli incendi in Canada: le immagini satellitari
Fumo dagli incendi in Canada: le immagini satellitari

Cosa può accadere in Italia?

Ma che cosa dobbiamo aspettarci in Italia? “Quel fumo – è la previsione di Ferrara – può arrivare da noi in concentrazioni ridotte che non sono un pericolo per la salute“.

Cosa prevede il servizio meteo spagnolo

Il meteorologo di MeteoGalicia, Carlos OItero, alla tv pubblica RTVE, ha segnalato che “a livello superficiale non si riscontrano cambi nella qualità dell’aria”. L’esperto ha spiegato che incendi molti intensi, come quelli che hanno colpito il Canada in largo anticipo sulla stagione dei roghi, sono capaci di “portare il fumo fino ai livelli alti dell’atmosfera”. E, in questi livelli, le correnti di aria note come ‘jet stream’ possono “trasferire” questa nube a migliaia di chilometri. Prima di essere avvistata in Spagna, la nube di fumo era già stata segnalata dall’Ufficio Meteorologico del Regno Unito sempre nelle parti alte dell’atmosfera, secondo quanto ha segnalato in Twitter il Met Office. Modelli di previsione citati dalla Cnn indicano che il fumo permarrà sugli strati superiori dell’atmosfera sull’Europa durante gran parte della settimana.

Il precedente del vulcano islandese

Ricorda Ferrara: “In altri casi, come ad esempio per l’eruzione del vulcano islandese due anni fa, vista la vicinanza maggiore, erano stati interrotti i voli per due gioni”.