Martedì 16 Luglio 2024

Elezioni in Francia oggi, affluenza record. Riunione d’urgenza all’Eliseo

Occhi puntati sui seggi elettorali per un ballottaggio che segnerà il destino del Paese e che avrà ripercussioni anche in chiave europea. Affluenza record alle 17: 59,71%. Fonti: nessun intervento di Macron in programma. Mosca con Le Pen: “Secondo turno manipola volontà degli elettori”

Roma, 7 luglio 2024 – Affluenza record e primi instant poll che – secondo quanto riportato da Radiocor che cita sondaggisti francesi – non danno al partito di Le Pen la maggioranza assoluta. Dalle 8 di questa mattina la Francia sta votando per il secondo turno delle elezioni legislative anticipate, nelle circoscrizioni in cui un candidato non è stato eletto al primo turno.

Approfondisci:

Elezioni Francia, il politologo: "Macron resta centrale. Ha vinto la scommessa"

Elezioni Francia, il politologo: "Macron resta centrale. Ha vinto la scommessa"
Approfondisci:

Risultati elezioni Francia in tempo reale. Sorpresa al ballottaggio, sinistra avanti. Attal: “Mi dimetto”. Scontri in piazza, agente ferito

Risultati elezioni Francia in tempo reale. Sorpresa al ballottaggio, sinistra avanti. Attal: “Mi dimetto”. Scontri in piazza, agente ferito

I seggi rimarranno aperti fino alle 18 e fino alle 20 nelle principali città. Primi exit poll attesi subito dopo le 20. Alle 17 i votanti sono il 59,71%, in lieve aumento rispetto al primo turno e sempre sui livelli record (al ballottaggio del 2017 alla stessa l’affluenza era del 35.33%).  Sono circa 43,3 milioni di francesi che oggi possono inserire una scheda nelle urne. Il Paese attende l’esito del voto nella tensione: quasi 5mila poliziotti schierati solo a Parigi. La Russia, intanto, si è ‘schierata’ dalla parte di Le Pen. “Il secondo turno in Francia manipola la volontà degli elettori”, ha dichiarato il ministro degli Esteri di Mosca Sergei Lavrov. 

FRANCE ELECTIONS
FRANCE ELECTIONS
17:38
I risultati in tempo reale

Quotidiano.net segue i risultati del ballottaggio in Francia in diretta. Secondo i primi exit poll diffusi dai media belgi, Ressemblement National sarebbe primo partito, ma lontana dalla maggioranza assoluta. Ma le prime proiezioni, citate da media begli e svizzeri, sembrerebbero addirittura profilare una vittoria della sinistra, con il Nuovo Fronte Popolare davanti al partito di Marine Le Pen.

16:51
Riunione d'urgenza all'Eliseo

Il premier francese uscente Gabriel Attal ha lasciato Matignon per recarsi all'Eliseo dove è arrivato in questi ultimi minuti e dove è prevista una riunione d'urgenza (vertice di cui, in realtà, si parla dal primo pomeriggio). Il tutto viene annunciato dalla tv francese che segue parallelamente anche i movimenti di Jordan Bardella e di Marine Le Pen che si dirigono sul luogo dove si terrà la serata elettorale di Rn.

16:36
Artisti in campo

Artisti, dj, musicisti, rapper fanno un fronte comune contro l'ascesa dell'ultra-destra alle elezioni.  Dopo il video dei giorni scorsi di alcuni rapper intitolato 'No Pasarán', evocativo del motto dei repubblicani antifascisti durante la Guerra civile spagnola, arriva un'altra mobilitazione dal mondo della musica per sensibilizzare l'opione pubblica contro l'avvento dell'estrema destra.  Gli oltre 200 membri tra artisti, dj, agenti musicali del movimento Front Électronique hanno lanciato delle iniziative contro il rischio di una deriva di destra in 
Francia. Dibattiti live in streaming, concerti gratuiti e la pubblicazione di un album intitolato 'Siamo Tutti Antifascisti Vol.1' descritto come una "chiamata alle armi" del "mondo della notte" contro le forze di estrema destra.

16:27
Giallo sull'intervento di Macron

Non è ancora chiaro se il presidente francese Emmanuel Macron parlerà già stasera sull'esito voto. Fonti vicine al capo dello Stato specificano che nessun intervento pubblico è all'orizzonte: "fino a questo momento non è previsto nessun intervento" sui risultati del secondo turno.  Resta confermato invece alle 18.30, dunque un'ora e mezza prima della chiusura dei seggi, il vertice tra Macron, il primo ministro Gabriel Attal e i leader dell'attuale maggioranza.

15:21
Affluenza finale stimata al 67%

L'affluenza finale per il secondo turno delle elezioni francesi è stimata al 67% dagli istituti Ipsos e Opinionway, al 67,1% da Elabe e al 67,5% da Ifop, rispetto al 66,7% del primo turno. Si tratterebbe di un record dalle elezioni legislative anticipate del 1997.

15:11
Affluenza si conferma record

Continua la marcia dell'affluenza verso i livelli record per il ballottaggio delle legislative: secondo i dati del ministero dell'Interno, alle 17 ha votato il 59,71% degli aventi diritto, contro il 59,39% di una settimana fa alla stessa ora. Al secondo turno delle elezioni legislative del 2017, l'affluenza era del 35,33% mentre nel 2012 era del 46,42%. Nel 2007 e nel 2002 era rispettivamente al 49,58% e al 46,83%.

Carla Bruni al voto in Francia (Ansa)
Carla Bruni al voto in Francia (Ansa)
14:50
Attal da Macron all'Eliseo

Il presidente francese Emmanuel Macron riceverà alle 18.30 all'Eliseo il primo ministro Gabriel Attal e i leader dei partiti della maggioranza uscente, secondo quanto ha reso noto Le Figaro. 

14:20
Parigi blindata in attesa dei risultati

E' in un clima di tensione che la Francia attende i risultati del ballottaggio. In attesa dei primi exit poll che dovrebbero arrivare dopo le ore 20, le autorità di sicurezza hanno dispiegato 30mila agenti di polizia sul territorio nazionale pronti a intervenire in casi di possibili scontri, di cui 5mila nella sola Parigi. Nella capitale il lungo viale degli Champs-Élysées, già più volte soggetto a dimostrazioni violente durante le proteste dei gilets jaunes è stato transennato e sono state messe in sicurezza le delle protezioni vetrine dei negozi. I commercianti hanno iniziato ad abbassare le serrande. 

13:19
Macron potrebbe parlare questa sera

Presente all'Eliseo a partire dalle 18 per seguire la serata elettorale, il presidente francese Emmanuel Macron - che ha votato nel Pas-de-Calais assieme alla moglie Brigitte - potrebbe intervenire dopo l'annuncio dell'esito del voto. Lo scrive Bfmtv.

13:17
Gli esponenti francesi che hanno già votato

Alcuni esponenti politici hanno già votato: Francois Hollande a Tulle in Corrèze, Gabriel Attal (candidato alla rielezione in Hauts-de-Seine) a Vanves, l'ex primo ministro Edouard Philippe nella sua città natale di Le Havre in Seine-Maritime, l'ex capo del governo Elisabeth Borne a Vire in Calvados, Eric Ciotti, che si è arruolato nella RN, a Nizza. Emmanuel Macron sta per andare a votare a Le Touquet nel Pas-de-Calais. Alla domanda se il Capo dello Stato parlerà dopo le 20.00, il suo entourage ha detto all'Afp che "non è stato deciso nulla" per il momento, "tutto dipenderà dai risultati". Gli elettori possono recarsi alle urne fino alle 18.00 o alle 20.00 nelle principali città, quando si conosceranno i primi risultati. Al primo turno sono stati eletti 76 deputati e ne restano da nominare 501. Domenica scorsa, i francesi davano il Rassemblement National - e i suoi alleati di LR - in netto vantaggio (33%), davanti all'alleanza di sinistra Nouveau Front Populaire (NFP, 28%) e al campo presidenziale Ensemble (20%).

Garbiel Attal al voto per il ballottaggio (Ansa)
Garbiel Attal al voto per il ballottaggio (Ansa)
13:03
Nuova Caledonia elegge deputato pro-indipendenza

Emmanuel Tjibaou, uno dei figli dell'emblematico leader Kanak assassinato nel 1989, è diventato oggi il primo deputato pro-indipendenza dal 1986 eletto in Nuova Caledonia, scossa da violenze da meta' maggio, secondo i risultati dell'Alto Commissariato francese. L'affluenza alle urne e' stata ancora una volta molto alta, con il 71,35% in tutto l'arcipelago del Pacifico meridionale, rispetto all'appena 45,15% del secondo turno del 2022. Al primo turno, nella seconda circoscrizione, Emmanuel Tjibaou si era imposto con il 44% dei voti, davanti al lealista Alcide Ponga. Si prevede che prenderà posto all'Assemblea come uno dei deputati sostenuti dal Nuovo Fronte Popolare (PNF).

12:12
Scope Rating: esito voto pesa su prospettive di crescita

L'esito del voto di oggi in Francia “pesa sulle prospettive di crescita e sulle riforme fiscali” del Paese. In particolare, “il previsto risanamento delle finanze pubbliche francesi rischia di essere rimandato, alla luce dei risultati elettorali previsti, con importanti conseguenze per l'agenda politica dell'Ue e, potenzialmente, per il sentiment degli investitori nell'area euro”. Questo il messaggio che arriva dall'ultimo report dell'agenzia di rating europea, Scope Ratings, che ha previsto una crescita allo 0,8% nel 2024 e all'1,3% nel 2025. Le ipotesi di un parlamento bloccato o una vittoria totale del partito di Marine Le Pen “ridurrebbero in entrambi i casi la prospettiva di riforme che favoriscano la crescita e il risparmio, mettendo sotto pressione il rating sovrano della Francia”, viene spiegato nel report, evidenziando il peso dell'incertezza politica. La principale sfida della Francia resta “il costante aumento del debito pubblico" e, di fatto, secondo l'agenzia di rating, qualunque sia l'esito del secondo turno, "la traiettoria fiscale delineata nel programma di stabilità 2024, con un deficit di bilancio che ritorni al di sotto del 3% del Pil entro il 2027, è obsoleta”. La ricerca segnala in particolare che “qualsiasi nuovo governo avrà uno spazio fiscale limitato a causa del deficit fiscale ancora elevato della Francia (5,5% del Pil nel 2023) e dello stock di debito pubblico (110,6% del Pil). 

11:29
Instant poll: non c'è maggioranza assoluta per Le Pen

Nessuna maggioranza assoluta per il Rassemblement National di Marine Le Pen e Jordan Bardella. E' quanto emerge dai primissimi instant poll a urne aperte che arrivano direttamente dagli istituti di sondaggi francesi. Al secondo turno delle elezioni legislative in Francia la destra di Le Pen e Bardella dovrebbe fermarsi complessivamente tra i 205 e i 225 seggi all'assemblea nazionale di Parigi. La maggioranza assoluta è di 289 seggi su un totale di 577. Il fronte popolare di sinistra, grazie alla desistenza in moltissimi collegi elettorali con Ensemble del presidente Emmanuel Macron, viene accreditato tra 190 e 210 seggi. Mentre il partito del presidente si dovrebbe fermare tra 140 e 160 scranni al Parlamento francese. 

Elezioni in Francia, Emmanuel Macron e Brigitte Macron tra la folla dopo aver votato al ballottaggio (Ansa)
Elezioni in Francia, Emmanuel Macron e Brigitte Macron tra la folla dopo aver votato al ballottaggio (Ansa)
10:57
Lavrov (Russia): "Le elezioni in Francia non ricordano molto la democrazia"

"Le elezioni in Francia non ricordano molto la democrazia". Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, in un'intervista citata dalla Ria Novosti.  "Il primo turno delle elezioni parlamentari è passato e ci sono due turni. Il secondo turno, a quanto pare, è stato concepito proprio per manipolare l'espressione della volontà degli elettori emersa durante il primo turno, laddove alcuni candidati possono ritirare la propria candidatura. Sono convinti di avere l'opportunità di sconfiggere, come si dice, i conservatori o i populisti", ha dichiarato il diplomatico.

Approfondisci:

Lavrov, secondo turno in Francia manipola volontà elettori

Lavrov, secondo turno in Francia manipola volontà elettori
10:47
Affluenza record alle 12

Secondo i dati del ministero dell'Interno francese, a mezzogiorno ha votato al secondo turno delle elezioni legislative, il 26,63% dei francesi. Si tratta della più alta affluenza dal 1981. Domenica scorsa, al primo turno delle legislative, era al 25,90%, nel 2022 al 18,43%. 

FRANCE ELECTIONS
FRANCE ELECTIONS
10:46
Urne aperte dalle 8

Dalle 8 di questa mattina i francesi si stanno recando alle urne per il secondo turno (ballottaggi) che vede il Rassemblement National di Marie Le Pen favorito