Mercoledì 22 Maggio 2024

Darya Trepova e l’attentato a San Pietroburgo: chi è la donna della statuetta a Tatarsky. “L’ho portata io”

Secondo le autorità anti-terrorismo russe, sarebbe legata al al così detto ‘Fondo anti-corruzione’ di Navalny

Roma, 3 aprile 2023 - Darya Trepova: questo il nome della donna in mano ai servizi di sicurezza russi che l’hanno arrestata e l'accusano di essere l'autrice dell'attentato avvenuto ieri in un bar di San Pietroburgo, dove è rimasto ucciso il giornalista filo-Putin Maksim Fomin, alias Vladlen Tatarsky. "Ho portato una statuetta che poi è esplosa" ha detto la Trepova nel corso dell'interrogatorio con le autorià di Mosca. In un video diffuso dall'agenzia Ria Novosti, la donnna risponde anche alla domanda "Chi ti ha dato la statuetta": "Posso dirlo dopo?". Trepova è vestita con una camicia bianca, ha capelli più corti rispetto alle immagini di sicurezza che la mostravano mentre entrava nel caffè portando un pacco.

Omicidio del blogger russo: il momento dell’esplosione in un video

Guerra in Ucraina: le news in diretta

Attentato a San Pietroburgo: cosa succede in Russia

Chi è Darya Trepova

Darya Trepova, 26 anni, sarebbe una collaboratrice e sostenitrice del così detto 'Fondo anti-corruzione' dell'oppositore russo Alexei Navalny. Secondo il Comitato nazionale anti-terrorismo russo, oltre a Trepova, nell'attentato a Tatarsky, seguito su Telegram da oltre 560mila persone e noto per le sue posizioni filo-Putin e per l'appoggio totale all'invasione dell'Ucraina, ci sarebbe anche il coinvolgimento dei servizi segreti ucraini, che avrebbero "collaborato nella pianificazione", e sostenitori di Navalny.

Materialmente a mettere in scena l'attentato sarebbe stata la Trepova: in un video diffuso dalle autorità russe si vede una giovane con lunghi capelli biondi e con indosso un lungo cappotto che si avvicina all'entrata del caffè, posto all'angolo di una strada, ma poi passa senza fermarsi. Soltanto in seguito torna indietro e apre la porta del locale. Dentro al bar è poi avvenuta la consegna del dono a Tatarsky: una statuetta con un ordigno nascosto al suo interno. Secondo siti di notizie di San Pietroburgo, Trepova dopo aver completato l'operazione di consegna dentro al caffè, sarebbe ritornata nel suo appartamento che dista cinque minuti a piedi dal luogo dell'attentato e si sarebbe cambiata abiti. La ragazza è stata fermata oggi in un appartamento in affitto nel quartiere Vyborgsky di San Pietroburgo.