Martedì 23 Aprile 2024

Crollo ponte a Baltimora, nei container della nave “materiali potenzialmente pericolosi”

La Guardia Costiera: “Sospese le ricerche dei sei operai dispersi, probabilmente sono morti”. La nave aveva superato due ispezioni nel 2023

Baltimora, 27 marzo 2024 - Sono presumibilmente morti i sei operai dispersi a seguito dell'incidente che ieri ha causato il crollo del ponte Francis Scott Key Bridge di Baltimora. A renderlo noto è stata la Guardia costiera statunitense annunciando la sospensione delle ricerche. I sei dispersi (originari di Guatemala, Messico, Honduras ed El Salvador), erano impegnati in lavori di riparazione quando la portacontainer Dali ha urtato un pilone, facendo crollare il ponte nel fiume Patapsco. La stessa imbarcazione, battente bandiera di Singapore, ha preso fuoco.

Quel che resta del Francis Scott Key Bridge adagiato sulla nave cargo Dali (Ansa)
Quel che resta del Francis Scott Key Bridge adagiato sulla nave cargo Dali (Ansa)

L'autorità portuale di Singapore ha fatto sapere che la Dali aveva superato due ispezioni nel 2023, mentre l'Associazione dei comandanti Usa ha fatto fa sapere che il cargo è andato in "blackout totale" poco prima dell'impatto. 

La Guardia costiera sta ora esaminando tredici container danneggiati – alcuni contenenti materiali potenzialmente pericolosi –  che erano a bordo della nave, stando a un documento del governo degli Stati Uniti ottenuto dalla CNN, che cita inoltre un funzionario statunitense a conoscenza dei fatti. Alcuni dei container hanno al loro interno "contenuti che riguardano i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e/o materiali pericolosi (HAZMAT)".

Approfondisci:

Francis Scott Key Bridge, la storia del ponte di Baltimora distrutto da una nave cargo: perché è famoso

Francis Scott Key Bridge, la storia del ponte di Baltimora distrutto da una nave cargo: perché è famoso

l presidente del National Transport Safety Board, Jennifer Homendy, ha dichiarato alla CNN che, ieri sera, gli investigatori sono riusciti a salire a bordo “per esaminare la sala macchine, il ponte di comando e raccogliere qualsiasi tipo di materiale elettronico o documentazione”. Il team è quindi tornato sulla nave questa mattina, concentrandosi sulla raccolta di prove deperibili, comprese le foto della nave. Si attendono ulteriori informazioni dalla scatola nera del cargo.

La nave della compagnia di navigazione Synergy Marine Group era salpata poco prima dell'una di notte ora locale (le sei del mattino in Italia) ed era diretta a Colombo, nello Sri Lanka, dove sarebbe dovuta arrivare il 22 aprile.