Parigi diventa zona a massima allerta (Ansa)
Parigi diventa zona a massima allerta (Ansa)

Roma, 23 settembre 2020 - Preoccupa sempre di più la seconda ondata di Coronavirus in Europa, che ha superato la soglia psicologia dei 5 milioni di contagiati. Impennata di morti in Spagna, alto numero di contagi in Francia e nuove restrizioni in Gran Bretagna (dove gli stadi potrebbero restare chiusi per tutto l'inverno) e dove si è registrato un nuovo picco (oltre 6mila casi). Valori alti anche in Germania: nel Paese il numero di casi confermati è aumentato di 1.769 nelle ultime 24 ore. Le vittime da ieri sono invece 13. Il totale dei decessi è ora di 9.409. Nelle ultime settimane, in Germania, i casi di contagio sono stati costantemente oltre 1.500, dopo essere scesi sotto i 500 tra giugno e luglio. I vescovi tedeschi  si spingono a immaginare messe all'aperto, in piazza a Natale, sfidando il clima rigido,  per evitare la diffusione del virus. 

Intanto la federazione di Croce Rossa e Mezzaluna rossa segnalano all'Onu che almeno 51,6 milioni di persone nel mondo sono state colpite da inondazioni, siccità o tempeste e nello stesso tempo dal coronavirus

 FOCUS / Bollettino Italia: 1640 casi e 20 morti

Francia, bar chiusi a Marsiglia

I dati delle ultime 24 ore confermano il "continuo peggioramento" della situazione. I nuovi casi positivi in un solo giorno sono risaliti sopra quota 13.000 (ieri erano stati 10.008), toccando quota 13.072. Aumenta ancora il tasso di positività, ormai al 6,2%. E la cartina della Francia - fino ad oggi tempestata di zone "rosse" - si arricchisce di nuovi e più minacciosi colori: il rosso scuro per "allerta massima" (è il caso di Marsiglia-Aix en Provence, dove da lunedì saranno chiusi bar e ristoranti) e lo 'scarlatyo' (emergenza sanitaria). Nuova dura stretta a Parigi, con chiusura anticipata alle 22 per tutti i bar e ristoranti e divieto di assembramenti di oltre 10 persone.

Sempre di oggi la notizia che Alexandre Benalla, il ventinovenne ex bodyguard di Emmanuel Macron finito al centro dello polemiche per le violenze da lui commesse durante la manifestazione del primo maggio 2018 a Parigi, è stato ricoverato oggi in rianimazione dopo aver contratto il virus: è quanto riferisce Le Parisien. Benalla è stato "trasportato in ambulanza dai pompieri presso il servizio rianimazione dell'ospedale Cocin per un peggioramento" delle sue condizioni di salute, precisano fonti a lui vicine.

Gran Bretagna, niente finanziaria

Nuovo picco da maggio dei casi di coronavirus nel Regno Unito secondo i dati giornalieri diffusi oggi dal governo, che certificano altri 6.178 contagi contro i quasi 5.000 di ieri. Stabile invece - alla vigilia dell'entrata in vigore delle nuove restrizioni annunciate ieri da Boris Johnson - la conta dei morti (37 nelle ultime 24 ore come ieri), nonché il totale dei ricoveri nazionali in terapia intensiva, fermo a 181. Circa 220.000, infine, i test quotidiani eseguiti, fino a una somma di oltre 19 milioni dall'inizio della pandemia.

Il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri commenta: "In Italia siamo più bravi e sicuramente i numeri ci confortano su questo. Sento molti amici e colleghi che sono nel Regno Unito e mi dicono che la mascherina non viene usata. Anzi ho amici italiani che sono stati anche presi in giro in maniera confidenziale perché portavano la mascherine. Quindi, sono state usate sicuramente strategie diverse".

BoJo ha anche annunciato che non ci sarà finanziaria d'autunno quest'anno nel Regno Unito, tenuto conto della difficoltà di fare piani a lungo termine a causa dell'impatto sull'economia dell'emergenza coronavirus.

Israele: verso lockdown completo

Situazione pesantissima in Israele, dove è stato registrato un nuovo record di contagi: il ministero della sanità ha segnalato 6.861 casi in un giorno a fronte di quasi 60mila test, con un tasso di morbilità di poco meno del 12%. Al momento negli ospedali sono ricoverate 1.352 persone, di cui 668 gravi. Si prevede che nel fine settimana si sorpassino gli 800 casi, limite massimo per gli ospedali.

Il premier Benyamin Netanyahu annuncia: "Stiamo andando verso un completo lockdown a causa della risalita delle infezioni". 

Coronavirus, le strade deserte a Tel Aviv (Ansa)

Guarito l'uomo più grasso del mondo

Definito "l'uomo più grasso del mondo" nel 2017 dal Guinness dei primati, il messicano Juan Pedro Franco, che da allora ha perso quasi 400 chili, è riuscito a sconfiggere il Covid-19 contratto un mese fa. "E' stato complicato perché è una malattia molto aggressiva ed ero una persona a rischio - ha detto Franco, che ha 36 anni - Avevo mal di testa, dolori muscolari, febbre ed ero a corto di fiato". Juan Pedro Franco è arrivato a pesare 595 chili, e sebbene ora ne pesi 208, i disturbi associati alla sua obesità - diabete, ipertensione e broncopneumopatia cronica ostruttiva - hanno lavorato contro di lui nella sua battaglia contro il virus. Ma ora ne è comunque uscito.

Brasile, quasi 139mila decessi

Il Brasile questo mercoledì ha registrato ulteriori 869 decessi e 33.281 nuovi contagi nelle ultime 24 ore. Il numero complessivo dei casi confermati di Covid-19 nel Paese sudamericano è dunque salito a 4.624.885, mentre il totale delle vittime dall'inizio della pandemia ha raggiunto quota 138.977. Il tasso di letalità è del 3%,mentre quello di mortalità è pari a 66,1 persone ogni centomila abitanti.

Usa

Negli Stati Uniti sono almeno 39.334 persone hanno contratto il Covid nelle ultime 24 ore, portando il bilancio complessivo delle infezioni nel Paese a 6.896.274, secondo gli ultimi dati forniti dalla Johns Hopkins University. Le vittime da ieri sono invece 921, per un totale di 200.807 decessi. ''Penso che sia una vergogna'', ha detto il presidente americano Donald Trump, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano di commentare il superamento della soglia dei 200mila morti. ''Credo che se non avessimo fatto bene e nel modo giusto, avresti 2,5 milioni di morti. Se guardi alle possibili alternative, avresti 2,5 milioni di morti o qualcosa del genere. Potresti avere un numero sostanzialmente più alto''.

image

Dagli Usa anche buone notizie. Parte infatti il test di fase 3 del candidato vaccino dell'azienda Janssen, della Johnson & Johnson, basato su una sola dose. Si prevede di arruolare 60.000 volontari presso 215 centri negli Usa. Ad annunciarlo oggi è stato Anthony Fauci, direttore generale dell'Istituto americano per le malattie infettive (Niaid), che fa parte del National Institutes of Health (Nih), e l'ente americano per la ricerca e biomedica Barda (Biomedical Advanced Research and Development Authority). È il quarto test di fase 3 in corso negli Usa dopo quelli delle aziende Moderna, AstraZeneca e Pfizer, grazie a una corsa mai vista finora nel rilascio delle autorizzazioni.

Russia

La Russia conferma 6.431 nuovi casi e i contagi non erano mai stati così tanti in 24 ore dallo scorso 13 luglio. L'agenzia Tass, precisando che la maggior parte dei nuovi casi si registra a Mosca (970) e San Pietroburgo (208). I dati ufficiali parlano di un totale di 1.122.241 casi e anche di 923.699 pazienti guariti dall'inizio dell'emergenza sanitaria. Il bilancio delle vittime è di 19.799 morti, 150 decessi in più rispetto al bollettino di ieri. Oggi, intanto, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato che un altro vaccino contro il coronavirus, il secondo, sarà registrato a breve da Mosca. 

Gli altri Paesi

Intanto in India sono stati superati i 90mila decessi riconducibili al Coronavirus. In un giorno sono 1.085 le persone che hanno perso la vita per complicanze legate all'infezione e aggiornando a 90.020 il totale delle vittime. E' invece salito a 5.646.010 il totale dei contagi in India, con un aumento di 83.347 casi rispetto al giorno precedente.

L'Indonesia ha registrato altri 4.465 nuovi casi, il bilancio giornaliero più alto dall'inizio dell'epidemia nel Paese. Le vittime da ieri sono state invece 140, per un bilancio totale di 9.977 decessi correlati al Covid-19, il più alto in tutta l'Asia del Sud Est.