New York, polizia vicino alla stazione dei bus dove è esploso il tubo-bomba (Afp)
New York, polizia vicino alla stazione dei bus dove è esploso il tubo-bomba (Afp)

Roma, 11 dicembre 2017 - Il 'tubo-bomba' che ha rischiato di fare una strage a New York è stato fabbricato con materiali facilmente reperibili: un tubo idraulico o da costruzione, polvere pirica, chiodi, viti o altri piccoli oggetti metallici. Si tratta dunque di un'arma fatta in casa, di quelle 'consigliate' su tutti i siti jihadisti al pari delle pentole a pressione riempite di chiodi utilizzate nella strage alla maratona di Boston nel 2013.

I precedenti - e non solo negli Stati Uniti - si sprecano.  Nel dicembre 2015 fu il malfunzionamento del telecomando a evitare l'esplosione di un 'tubo-bomba' sul luogo dell'attentato di San Bernardino, in California, nel quale morirono 14 persone. E lo scorso aprile tre 'tubo-bomba' furono lanciati contro il pullman del Borussia Dortmund che stava portando i giocatori allo stadio della città tedesca.

IN ITALIA - Il 'tubo-bomba' ha anche una storia tutta italiana: è stato uno degli ordigni artigianali utilizzati da Unabomber, l'attentatore seriale che colpì negli anni '90 e 2000 ferendo decine di persone tra il Veneto e il Friuli
La prima volta che Unabomber utilizzò questo tipo di esplosivo fu il 21 agosto del 1994 alla 'Sagra degli Osei' di Sacile, in provincia di Pordenone. Una donna raccolse un tubo di ferro lungo 30 centimetri, imbottito di esplosivo e biglie di vetro. L'esplosione ferì lievemente lei e i suoi due figli. Da allora il tubo-bomba diventò una costante degli attentati di Unabomber. Tra il '94 e il '96 ne compì ben otto con questo tipo di ordigno.

SOS WEB - Allora probabilmente non era così semplice ma oggi, da Wikipedia a Youtube, chiunque può trovare su internet tutte le istruzioni per fabbricare un tubo-bomba con tanto di 'tutorial' che guidano il potenziale attentatore passo passo. 
Tre anni fa, l'allora capo della polizia di New York Bill Bratton lanciò l'allarme su un sito jihadista legato all'Isis dove si insegnava ai "lupi solitari negli Stati Uniti come fabbricare una bomba nella propria cucina" e si incitavano i terroristi ad attaccare a New York "luoghi turistici come Times Square".
Sul sito era pubblicata anche una guida per costruire proprio un tubo-bomba, utilizzando 'semplicemente' "teste di fiammiferi, luci di Natale e zucchero".