Mercoledì 17 Aprile 2024

Alexei Navalny in video ieri all’udienza: stava bene e scherzava col giudice. La madre: “Vivo, sano e felice”

L’oppositore di Putin fino al 15 febbraio non sembrava avere problemi di salute, un suo legale lo aveva visto mercoledì: “Andava tutto bene”

Roma, 16 febbraio 2024 - Solo ieri Alexei Navalny sembrava non avere problemi di salute, Anton Gerashchenko, consigliere del ministero ucraino dell'Interno, ha postato un video che mostra il dissidente anti Putin in tribunale con un collegamento video: "Sembrava in buona salute ed ha anche fatto delle battute" alle guardie e al giudice. Nel filmato si vede Navalny, in piedi dietro una grata, affermare con ironia: "Vostro onore, le mando il mio numero personale di conto bancario così mi può mandare il denaro dell'alto salario di un giudice federale, perché io non più soldi grazie alle sue decisioni".

L'oppositore, tanto temuto dallo zar, era in collegamento video dalla colonia penale di Karp per un'udienza. Appariva in buono stato di salute, con i capelli corti, sbarbato, nonostante le continue punizioni e i giorni di isolamento che stava scontando.

L'avvocato di Navalny, Leonid Solovyov, ha raccontato alla Novaya Gazeta che fino a mercoledì scorso il suo assistito stava bene. "Per decisione della famiglia di Alexei Navalny, non commenterò assolutamente nulla. Mercoledì Alexey è stato visitato da un avvocato (uno dei suoi legali, ndr). Allora andava tutto bene".

Particolare che sottolinea anche la madre di Alexei, Lyudmila Navalnaya. La donna ha detto che suo figlio era "vivo, sano e felice" quando lo ha visto l'ultima volta lunedì. Su Telegram ha scritto: "Non voglio sentire alcuna condoglianza. Lo abbiamo visto in carcere il 12, in una riunione. Era vivo, sano e felice".

Navalny, secondo le autorità del carcere, sarebbe morto dopo una passeggiata (Ma non era in isolamento?) ucciso da "un coagulo sanguigno, una trombosi", ha reso noto la tv Russia Today. A quel punto è stato soccorso gli operatori sanitari carcerari che hanno tentato di rianimarlo per 30 minuti, ma inutilmente. Una versione, quella del servizio penitenziario federale russo, che non fanno altro che aumentare i sospetti sulle cause della morte.

Personaggio scomodo per Putin quanto lo era la giornalista Anna Politkovskaja, assassinata nel 2006 a Mosca, e molti altri dissidenti morti misteriosamente. E Putin? E' stato informato fa sapere il Cremlino, sottolineando: "Non sappiamo di cosa é morto Navalny, lo accerteranno i medici".