Giovedì 23 Maggio 2024

Superbonus, il governo chiede il voto di fiducia. Giorgetti: “Pesa sul debito”

Le dichiarazioni di voto sono previste domani mattina. Gentiloni: “Non c’è rischio Grecia sui conti”. Abi: “Dalla retroattività effetti negativi”

Roma, 15 maggio 2024 - ll governo chiederà il voto di fiducia al Senato sul dl

Superbonus. E' quanto è emerso dalla seduta dei capigruppo. Il testo dopo il via libera della Commissione Finanze arriverà in aula questo pomeriggio alle 15 per la discussione generale. Le dichiarazioni di voto sono previste domani mattina dalle 08,30 e poi ci sarà la votazione con la chiama.

Approfondisci:

Superbonus, ok all’emendamento del Governo: sì di Iv e astensione di FI

Superbonus, ok all’emendamento del Governo: sì di Iv e astensione di FI

“Le previsioni della Commissione sono in linea con le nostre. Sul debito, purtroppo, gravano per cassa negli anni prossimi gli effetti negativi del Superbonus. D'altra parte i dati europei sul rapporto debito/Pil non incorporano gli effetti dei recentissimi provvedimenti che avranno effetti positivi sui conti”, le parole del ministro dell’Economia Giorgetti sulle previsioni economiche della Commissione europea. 

I dati del Superbonus, il grafico
I dati del Superbonus, il grafico
Approfondisci:

Superbonus, l’emendamento della discordia. Spalmati oltre 12 miliardi di crediti. Ci saranno due fondi per le deroghe

Superbonus, l’emendamento della discordia. Spalmati oltre 12 miliardi di crediti. Ci saranno due fondi per le deroghe

"Voglio tranquillizzare tutti che comunque non siamo di fronte a un 'rischio Grecia’ –assicura invece il commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni -. Siamo di fronte a una misura che certamente avrà avuto anche degli effetti positivi, ma che essendo andata fuori controllo è diventata un elemento pericoloso e il governo fa bene a nostro parere a porvi rimedio”.

A lanciare l’allarme è invece l’Abi, che in un documento approvato all'unanimità auspica ''che il Parlamento e il governo prendano nella dovuta considerazione” anche il fatto che nel dl Superbonus ''permangono elementi di retroattività'' che rendono ''impossibile per le banche compensare i crediti d'imposta acquistati, incidendo negativamente sulla loro capacità di acquistare ulteriori crediti''.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro