Superbonus 110, il vicepremier Tajani: lavoriamo a breve proroga per condomini

Ma la premier Giorgia Meloni dal palco di Atreju: “Ci ha lasciato un buco da 140 miliardi, quanto lo Stato spende in un anno per tutta la sanità”

Roma, 17 dicembre 2023 – Forza Italia in pressing per una breve proroga al superbonus, ma la premier Giorgia Meloni ricorda dal palco di Atreju i costi per le casse pubbliche. M5S contrattacca e parla di “dilettanti allo sbaraglio e imbroglioni”. Gli ultimi dati di Enea: ammessi a detrazione quasi 100 miliardi.

Il pressing di Forza Italia

“Sono soddisfatto della manovra perché è il massimo di ciò che si potrebbe fare, abbiamo apportato degli aggiustamenti che avevamo chiesto su casa e pensioni ei medici e dipendenti pubblici, e stiamo lavorando perché nella manovra o in altri provvedimenti, come quello sulle proroghe, ci possa essere una breve proroga per il superbonus che riguarda condomini che hanno già compiuto il 70% dei lavori – ha detto il vicepremier e leader di FI Antonio Tajani, semore da Atreju. -. Quindi nessuna tolleranza per imbroglioni, ma per le persone oneste bisogna avere un occhio di riguardo, e permettere di concludere i lavori in dirittura d'arrivo”.

Il vicepremier Antonio Tajani (Ansa)
Il vicepremier Antonio Tajani (Ansa)

Superbonus, le critiche della premier

La premier Giorgia Meloni, dalla kermesse di FdI, è tornata a criticare la misura: "Abbiamo fatto una legge di Bilancio espansiva nonostante una situazione drammatica ereditata dei conti pubblici soprattutto per il superbonus, con qualcuno che faceva la campagna elettorale dicendo che si è potuto ristrutturare gratuitamente casa: quel gratuitamente ci ha lasciato un buco da 140 miliardi, quanto lo Stato spende in un anno per tutta la sanità”. E ancora: “Ci chiedono i soldi per la sanità” ma “sono stati utilizzati per ristrutturare meno del 4% del patrimonio immobiliare italiano, prevalentemente seconde case, case di pregio, perfino 6 castelli lasciando a ogni italiano un debito di 2 mila euro”.

Approfondisci:

Superbonus: M5S, alla buffonata centrodestra non c'è mai fine

M5S contrattacca

La risposta di M5S arriva su X da Stefano Patuanelli, presidente dei senatori pentastellati: “Prima no. Poi sì. Poi è Chernobyl. Prima è la più grande truffa. Poi lo votano. Poi dicono colpa dei 5S. Poi lo bloccano. Ma prima se lo intestano. Dilettanti allo sbaraglio e imbroglioni, ma dal 70% in giù. Superbonus”.

Approfondisci:

"Superbonus, proroga urgente. Valutiamo una class action"

"Superbonus, proroga urgente. Valutiamo una class action"

I numeri del Superbonus

Si avviano a toccare quota 100 miliardi nel 2024 gli investimenti del Superbonus 110% ammessi a detrazione. Gli ultimi dati Enea, diffusi la scorsa settimana ed aggiornati a novembre, parlano per l'esattezza di 96,7 miliardi di euro ammessi su un totale di 98,18 miliardi. Il totale investimenti per lavori conclusi ammessi a detrazione è di 81,3 miliardi con l'84,1% dei lavori realizzati. Le detrazioni maturate per i lavori conclusi, onere a carico dello Stato, sono pari a 89,1 miliardi di euro. Sono stati interessati un totale di 446.878 edifici di cui 92mila condomini (che assorbono la fetta maggiore, pari a 58 miliardi) e 238mila edifici unifamiliari dove gli investimenti sono pari a 27,3 miliardi. Quelli funzionalmente indipendenti sono 115.745 per 11,1 miliardi. I castelli che hanno beneficiato della misura sono 7 per investimenti pari a 929 milioni di euro sui 1,7 miliardi di investimenti complessivi in questa tipologia. Sempre l'Enea ha stimato che il totale degli incentivi (Superbonus, bonus casa e ecobonus), nel 2022 ha generato "un risparmio record di 3 miliardi di euro nella fattura energetica nazionale 2022, pari a un taglio di 2,5 milioni di tonnellate equivalenti petrolio (Mtep) e di 6,5 milioni di tonnellate emissioni di CO2”. 

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro