Venerdì 24 Maggio 2024

Quanto costano le recensioni false online (e cosa si rischia)

Il fenomeno delle recensioni false online in Italia e nel mondo: qual è il costo di questa attività diffamatoria e di concorrenza sleale

Il fenomeno delle recensioni false online - Crediti: iStock

Il fenomeno delle recensioni false online - Crediti: iStock

Milano, 17 aprile 2024 – In un mondo fortemente digitalizzato come quello in cui viviamo è necessario che le attività economiche prestino molta attenzione allo loro reputazione online.

Il fenomeno delle recensioni false online - Crediti: iStock
Il fenomeno delle recensioni false online - Crediti: iStock

Il classico passaparola tra amici e conoscenti oggi vive una nuova era nella quale tutti possono lasciare una recensione su un ristorante, un servizio o un negozio, che potrà essere letta da chiunque mostri interesse verso quella specifica attività. Appare evidente che chi ha un’impresa che ha rapporti diretti con il pubblico non può rischiare di vedere compromesso il proprio lavoro da recensioni negative, soprattutto se queste si palesano essere false.

In quest’ultimo caso si fa specifico riferimento a un fenomeno sempre più evoluto, con utenti che volutamente danneggiano l’immagine di una data attività per avvantaggiarne altre concorrenti o semplicemente per fare un torto ai proprietari. I numeri parlano chiaro, ben il 30 per cento delle recensioni online sono false, con tutto ciò che ne consegue in termini di perdita di trasparenza e di costi (perdita di guadagno).  

Il fenomeno delle recensioni false online

Le recensioni false online rappresentano un fenomeno che sempre più nel corso degli anni ha visto salire i propri numeri. Secondo quanto riportato BusinessDIT nel suo ultimo report, The state of fake online review, il 30 per cento delle recensioni online sono false.

La trasparenza viene dunque meno, soprattutto considerando che ben il 77 per cento dei consumatori a livello globale controlla con frequenza le recensioni presenti su internet prima di effettuare un acquisto, con il 75 per cento degli stessi che decide di comprare solo dopo aver letto delle recensioni positive. E ancora, per tornare al fenomeno dei falsi giudizi, il 54 per cento dei consumatori non acquisterebbe mai un prodotto o un servizio se sapesse che le recensioni sugli stessi sono false.

Approfondisci:

Boom di acquisti con le App: il budget di spesa aumenta del 140%

Boom di acquisti con le App: il budget di spesa aumenta del 140%

Quanto costano le recensioni false

Il costo delle recensioni false online grava completamente sulle attività commerciali che potrebbero ritrovarsi di fronte a una perdita dei loro guadagni. Luciano Sbraga, direttore del centro studi Fipe-Confcommercio, ha spiegato al Sole24Ore che nella sola ristorazione italiana, il fenomeno in analisi “ha conseguenze sul fatturato nell’ordine del 6-8 per cento nei locali dove la clientela è fidelizzata; dove è bassa o residuale si può arrivare anche al 20-30 per cento dei ricavi”.

Valori certamente non trascurabili, soprattutto se li si guarda nel loro complesso: le recensioni false online hanno un'influenza negativa sulla spesa globale di circa 152 miliardi di dollari.  

I numeri delle recensioni false online

Per capire l’entità del fenomeno delle recensioni false online, può essere utile guardare ai numeri pubblicati sul tema dalle piattaforme digitali più importanti. Amazon, nel 2022, ha comunicato di aver bloccato oltre 200 milioni di recensioni sospette, citando in giudizio più di 10mila amministratori di gruppi Facebook all’interno dei quali venivano venduti pacchetti di recensioni finte. Nello stesso anno Google ha rimosso 115 milioni recensioni false inerenti hotel, ristoranti e aziende, mentre nel caso di Tripadvisor il numero è di 1,3 milioni.

Recensioni false, il governo italiano prova a porvi fine

A marzo 2023, in Italia è stato approvato il Decreto legislativo numero 26 che recepisce la direttiva europea Omnibus la quale mira a rafforzare la tutela dei consumatori contro le recensioni false. In Italia questo tipo di comportamento scorretto ricade nell'accusa di diffamazione o di concorrenza sleale. Il giudizio spetta all’Antitrust.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro